Assenze

Che cosa bisogna fare in caso di malattia?

I periodi di sospensione per malattia superiori a 40 giorni, devono essere interamente recuperati. Secondo quanto disposto dall'art. 40 comma 5, durante i periodi di assenza viene corrisposta la sola quota fissa del trattamento economico, mentre nei periodi di recupero viene corrisposto l'intero importo. Il periodo massimo di sospensione previsto durante tutto il corso di specializzazione è di 12 mesi.
La richiesta di assenza dovrà essere trasmessa al Referente amministrativo di ciascuna scuola.

 

Riferimenti normativi

Come previsto dal D.Lgs. 368/99 all'art. 40 comma 3 “Gli impedimenti temporanei superiori ai 40 giorni lavorativi
consecutivi per servizio militare, gravidanza e malattia, sospendono il periodo di formazione, fermo restando che l'intera
sua durata non è ridotta a causa delle suddette sospensioni. Restano ferme le disposizioni in materia di tutela della
gravidanza di cui alla legge 30 dicembre 1971, n. 1204, e successive modificazioni, nonché quelle sull'adempimento del
servizio militare di cui alla legge 24 dicembre 1986, n. 958, e successive modificazioni.”

Cosa prevede il contratto per le ferie?

Sono previsti 30 giorni di assenza giustificata durante l'anno accademico, impropriamente definiti giorni di ferie. Tutte le assenze inferiori a 40 giorni (matrimonio, nascita figlio, lutto, permessi per gravi motivi ecc...) rientrano in questa tipologia di assenza.

 

Riferimenti normativi

D.LGS 368/99 art.40 c. 4: "Non determinano interruzione della formazione, e non devono essere recuperate, le assenze
per motivi personali, preventivamente autorizzate salvo causa di forza maggiore, che non superino trenta giorni
complessivi nell'anno accademico e non pregiudichino il raggiungimento degli obiettivi formativi. In tali casi non vi è
sospensione del trattamento economico…"
 

A chi bisogna comunicare le assenze superiori ai 40 giorni?

Bisogna presentare idonea domanda, da consegnare alla Sezione Scuole di Specializzazione entro tre giorni dall'inizio del periodo di sospensione, corredata da certificazione medica rilasciata dal medico del SSN o da una struttura pubblica nella quale siano indicati i giorni di malattia concessi. 

Che cosa si deve fare in caso di infortunio?

Nel caso di infortunio il Medico in formazione deve darne immediata comunicazione al Referente S.P.P. del Dipartimento cui afferisce la Scuola di Specialità, allegando:

  • certificazione medica di infortunio lavorativo rilasciato dal Pronto Soccorso o dal Medico che ha accertato l'infortunio
  • breve relazione sulla dinamica dell'infortunio, con indicazione degli eventuali testimoni.

In caso di infortunio che determini un'interruzione di frequenza superiore o inferiore ai 40 giorni consecutivi, l'assenza deve essere tutta completamente retribuita e recuperata. La formazione specialistica recuperata e ovviamente retribuita differisce il conseguimento del diploma per un numero di giorni pari all'assenza complessiva. 

Ultimo aggiornamento: 01/07/2020