Tirocinio

Cosa si deve fare per frequentare un tirocinio in Italia o all'estero?

I Medici in formazione, in conformità al programma formativo e in coerenza con l'ordinamento didattico, possono svolgere periodi di formazione specialistica in Italia o all'estero presso strutture non inserite nella rete formativa. L'autorizzazione deve essere deliberata dal Comitato Ordinatore/Consiglio della Scuola e deve esserci il parere positivo della struttura ospitante. 

Per quanto tempo si può fare il tirocinio in Italia o all'estero?

Il periodo di formazione fuori rete formativa non può superare i 18 mesi nell'intero corso di studi. 

Sono previsti sussidi economici?

No. Il medico in formazione specialistica continuerà a percepire gli emolumenti previsti dal contratto. 

Cosa deve fare un tirocinante che vuole venire nelle nostre scuole di specialità a formarsi?

Il tirocinante deve essere in possesso di:

  • autorizzazione della scuola di specialità di provenienza italiana o estera
  • autorizzazione della scuola di specialità che riceve il tirocinante nella specie una delibera del Comitato Ordinatore/Consiglio della scuola
  • deve essere in possesso della posizione INAIL per gli infortuni, aperta dall'Università di provenienza, a nome del medico in formazione. 
Ultimo aggiornamento: 02/07/2020