Economia circolare - Opportunità, vincoli e buone pratiche - Martedì 4 giugno dalle ore 09.00 alle 13.00 - Aula Magna del Campus Luigi Einaudi

31/05/2019

Martedì 4 giugno, dalle ore 09.00 alle ore 13.00, nell’Aula Magna del Campus Luigi Einaudi dell’Università di Torino (Lungo Dora Siena 100A, Torino) si terrà il convegno“Economia Circolare: opportunità, vincoli e buone pratiche”. La giornata, con il patrocinio di Università e Politecnico di Torino, è organizzata nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile promosso da ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile). L’obiettivo del festival è quello di diffondere la cultura della sostenibilità, rendere lo sviluppo sostenibile un tema di attualità e richiamare l’attenzione nazionale e locale sulle problematiche e le opportunità connesse al raggiungimento dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile(SDGs) concordati dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, contribuendo in questo modo a portare l’Italia su un sentiero di sostenibilità.

 

In particolare, l’iniziativa “Economia Circolare: obiettivi, vincoli e buone pratiche” si focalizza sul tema chiave della transizione verso un modello produttivo più sostenibile, cioè quella che viene definita come “economia circolare” (SDG n°12). Il passaggio da una “economia lineare” (basata sulla creazione, fruizione del prodotto e smaltimento dei residui come rifiuti), ad una “economia circolare” (che estenda la vita di beni e risorse tramite la rigenerazione, il riuso e l’utilizzo di materie prime riciclate), si sta rivelando un modus operandi che favorisce il rispetto dell’ambiente e anche la competitività aziendale e la creazione di nuove opportunità di lavoro. Il riferimento principale è il Piano d’Azione sull’Economia Circolare adottato dall’Unione Europea (Com. 614fin/2015) che individua 6 macro settori di intervento: la produzione, il consumo, i rifiuti, il mercato delle materie prime seconde, l’innovazione, gli investimenti e l’occupazione.

 

Nella prima parte della giornata, dopo i saluti istituzionali, ci saranno interventi da parte di alcuni dei più importanti esponenti del mondo accademico ed esperti del settore. I focus delle relazioni saranno: le opportunità e le problematiche relative alle transizioni verso un modello sociale basato sull’economia circolare e la correlazione rispetto alla produttività e alla competitività delle imprese, la promozione dell’innovazione nelle filiere integrate dei territori, la produzione e utilizzo dei biomateriali e materie prime seconde da materiali riciclati, il ruolo delle città rispetto al consumo efficiente di risorse e di produzione e gestione circolare del ciclo dei rifiuti, la rigenerazione urbana degli edifici e aree dismesse, le ricadute occupazionale e le prospettive per le giovani generazioni.

 

Al convegno interverranno Gianmaria Ajani, Rettore dell’Università di Torino, Massimo Pozzi, Presidente CRU Piemonte, Francesco Quatraro, Docente di Politica Economica e Coordinatore del Dottorato in Innovation for the Circular Economy all’Università di Torino, Debora Fino, PhD Full Professor of Chemical Plants Department of Applied Science and Technology Institute of Chemical Engineering al Politecnico di Torino, Gianni Forte, Federazione Interregionale degli Ordini dei Dottori Agronomi e Forestali del Piemonte e Valle d’Aosta, Angelo Colombini, Segretario Nazionale Cisl, a nome di Cgil-Cisl-Uil, Enrico Nada, Novacoop, Gianluca Riu, Amiat Gruppo Iren, Ferdinando Tavella, Cooperativa Pirinoli,Marco Morra, Nobil Bio Ricerche, Nino Longhitano, Athena Art – CNA Piemonte settore Costruzioni, Vitaliano Alessio Stefanoni, CNA Federmoda Piemonte e Pierluigi Stefanini, Presidente ASviS – Presidente Unipol Gruppo.

Questa pagina è stata visitata 45 volte nell'ultimo anno. Fonte: Google Analytics.