sezioni

UniTO e progetto Paraphrase: programmare i computer del futuro

13/05/2015

L’Università di Torino è tra i 13 partner accademici e industriali di “Paraphrase”, il progetto europeo per lo sviluppo di applicazioni veloci ed economicamente sostenibili per sistemi di calcolo con molti processori.
 
Il progetto, interamente finanziato dalla UE con 4,2 milioni di euro all’interno del programma quadro “Horizon2020”, dopo tre anni di lavoro sarà sottoposto martedì 19 maggio alla review finale con i funzionari della Commissione Europea a Bruxelles.

“Il Dipartimento di Informatica – spiega il prof. Marco Aldinucci, coordinatore del progetto presso l’Ateneo torinese – fornisce un contributo decisivo, mettendo a disposizione del consorzio il software open-source FastFlow, progettato e sviluppato in cooperazione con l’Università di Pisa. L’applicazione è adottata da tutto il consorzio come motore fondamentale per coordinare in modo veloce ed efficace le attività dei processori”.
 
FastFlow riduce il tempo di sviluppo di altre applicazioni in diversi ambiti - dall’analisi del DNA all’ottimizzazione di processi industriali, dall’intelligenza artificiale (deep learning) alla gestione di flussi multimediali e finanziari ad alta velocità – creando software dalle prestazioni comparabili o superiori rispetto alle applicazioni sviluppate con strumenti tradizionali.
 
FastFlow è alla base di altri due progetti europei (“REPARA” e “RePhrase”) da poco acquisiti dall’Università di Torino e Pisa con un finanziamento totale di 7.2 milioni di euro nell’ambito di “Horizon2020”.
 
Insieme all’Università di Torino, partecipano a “Paraphrase” la University of St Andrews, la Robert Gordon University e la Queen's University di Belfast, l’Universitaet Stuttgart in Germania, il National College of Ireland, l’Università di Pisa, l’Università AGH di Cracovia e l’Università Etovos Lorand Tudomanyegyetem, Ungheria; i partner industriali sono Mellanox Technologies, in Israele, Erlang Solutions, Regno Unito, Software Competence Center Hagenberg, Austria e ELTE-Soft Kutatas-Fejleszto Nonprofit Kft, Ungheria.
 
Per maggiori informazioni sul progetto http://www.paraphrase-ict.eu/