TONON MARCO DAVIDE

Ricercatore/Ricercatrice
Settore scientifico disciplinare: 
PALEONTOLOGIA E PALEOECOLOGIA (GEO/01)
Io in Croazia.jpg
Telefono: 
0116705196
Cellulare: 
n/d
Fax: 
0116705128

Strutture di riferimento

Sede: 
SCIENZE DELLA TERRA
Struttura di afferenza: 
Dipartimento di Scienze della Terra
Struttura di appartenenza: 
Dipartimento di Scienze della Terra

Attività scientifica

La mia attuale ricerca, in continuità con i progetti di ricerca locale precedenti, è concentrata sulla sperimentazione e validazione di modelli di apprendimento tesi a sviluppare una coscienza sempre più profonda dei legami (fisici, emozionali, estetici, etici …) che uniscono l’uomo all'ambiente. La congettura di partenza è che i saperi vanno integrati e che se si rimane ancorati al proprio approccio disciplinare si stemperano le potenzialità educative di qualunque proposta didattica. Assunto che le tematiche della sostenibilità sono oggetto di una formazione verticale e continua, nei diversi anni della attività di docenza e di ricerca, io e il mio gruppo di ricerca abbiamo messo a punto moduli didattici sperimentali che offrono utili spunti di lavoro ad insegnanti in formazione senza la necessità di avere competenze di tipo specifico. La difficoltà a percepire i legami indissolubili con la natura e a sentirsi inclusi nei sistemi naturali, ci ha spinto a elaborare proposte innovative e transdisciplinari, il cui obiettivo principale è quello di vivere, in prima persona, esperienze sensoriali ed emotive a contatto con l’ambiente naturale.

Contestualizzare, per esempio, le risorse naturali con gli ambienti di provenienza e con gli impatti generati dalla loro estrazione è un altro nostro obiettivo prioritario che va nella direzione  di scoprire le relazioni tra le risorse naturali e gli oggetti d’uso quotidiano. In quest’ambito, ci si è concentrati sulle le risorse primarie di cui la specie umana ha, sin dal Paleolitico, avuto bisogno per garantirsi la sopravvivenza: le materie prime legate all'alimentazione, all'abbigliamento e all'abitazione.

Allo scopo di implementare lo studio sul rapporto bambino/insegnante/natura, gli obiettivi sono quelli di realizzare un’indagine allo scopo di valutare una serie di parametri che delineino meglio la problematica, identificandone poi le strategie educative per potenziare tale relazione empatica.

Nella progettazione di percorsi educativi teniamo conto, secondo le più moderne teorie pedagogiche, delle conoscenze pregresse e interiorizzate dei discenti, sviluppando una didattica “emozionale” che favorisce i processi di apprendimento e favorisce attitudini alla riflessione e al cambiamento della relazione uomo/ambiente.

Nella sperimentazione di alcuni di questi percorsi formativi privilegiamo l’aspetto introspettivo e narrativo autobiografico, elaborando attività di drammatizzazione teatrale, il cui palcoscenico è l’ambiente naturale. 

Altre proposte didattiche privilegiano, invece, l’attività di tipo manuale per la realizzazione di opere di espressione artistica (Art in Nature) o per la creazione di manufatti realizzati con materie prime di origine naturale, precedentemente raccolte durante uscite sul territorio.

...