sezioni

SCIENZE DELL'EDUCAZIONE MOTORIA E DELLE ATTIVITÀ ADATTATE

Scheda del corso
Anno Accademico di immatricolazione: 
2018/2019
Codice del corso di studio: 
091503
Tipo di corso: 
Laurea Magistrale
Classe di laurea: 
LM-67 - Classe delle lauree magistrali in Scienze e tecniche delle attivita' motorie preventive e adattate
Dipartimento di afferenza: 
FILOSOFIA E SCIENZE DELL'EDUCAZIONE
Durata in anni: 
2
Crediti: 
120
Sede didattica: 
TORINO
Lingua: 
Italiano
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso programmato locale

Insegnamenti

Anno di corso: Attività formative non assegnate a un anno di corso

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Ammissione e iscrizione

Requisiti di accesso (Titoli): 

1 - Laurea
2 - Laurea di Primo Livello
3 - Laurea Specialistica
4 - Laurea Magistrale
5 - Titolo straniero
6 - Diploma Universitario
7 - Diploma in educazione fisica
9 - Laurea
10 - Laurea di Primo Livello
11 - Laurea Specialistica
12 - Laurea Magistrale

Test di ammissione: 
https://esse3.unito.it/Admission/DettaglioConcorsi.do?cds_id=10267&aa_off_id=201...

Anno di corso: Attività formative non assegnate a un anno di corso

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Obiettivi formativi

I laureati nel suddetto corso di laurea magistrale della classe 67 devono: –Essere in grado di progettare, condurre e gestire le attività fisico-motorie, con attenzione alle specificità di genere; –Avere competenze di livello avanzato per poter operare nell’ambito delle attività motorie a fini ricreativi, di prevenzione, del mantenimento e del recupero della migliore efficienza fisica nelle diverse età; –Avere un’approfondita conoscenza delle metodologie e delle tecniche dell’educazione motoria per i disabili; –Essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell’Unione Europea oltre l’italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari; –Essere in grado di utilizzare adeguatamente i principali strumenti informatici negli ambiti specifici di competenza; –Essere in grado di lavorare con ampia autonomia, anche assumendo responsabilità nella progettazione e nella gestione delle strutture. Ai fini sopraindicati, il corso di laurea Magistrale in Scienze dell'educazione motoria e delle attività adattate –Comprende oltre alle discipline motorie e sportive, quelle in ambito biomedico, pedagogico, psicologico. –Comprende attività formative finalizzate alla conoscenza delle problematiche specifiche delle diverse età, in particolare per quanto attiene l' adattamento del movimento alle situazioni di deficit. –Prevede lezioni ed esercitazioni, previste come Tirocini attivati presso le strutture proprie o con enti pubblici e privati. –Prevede attività formative, lezioni ed esercitazioni di laboratorio anche in forma di stage. I laureati nel corso di laurea magistrale della classe LM-67 potranno esercitare funzioni di elevata responsabilità nei vari ambiti di progettazione, conduzione e gestione delle attività fisiche e adattate. Gli obiettivi formativi specifici appena descritti verranno perseguiti nel corso dell'intero percorso didattico, articolando su di essi i corsi specifici, oggetto di verifica valutativa classica (esame tradizionale), e anche, ove necessario, di verifica pratica "sul campo" (tipica dei SSD M-EDF/01 e M-EDF/02). Sugli stessi obiettivi saranno articolati altresì i (tanti) CFU attribuiti al tirocinio pratico, che prevede una valutazione specifica ad opera di tutor dedicati.

Competenze attese

Conoscenza e capacità di comprensione: 

I laureati in Scienze dell'educazione motoria e delle attività adattate devono avere conoscenze e capacità di comprensione più estese rispetto a quelle associate al primo ciclo, tali da permettere di elaborare e applicare idee originali, anche sviluppate attraverso specifiche attività di ricerca. Nel dettaglio, devono possedere conoscenze approfondite: sulle modificazioni e sugli adattamenti funzionali derivanti dall'esercizio fisico; sui metodi di valutazione dello stato di efficienza fisica e di programmazione dell'esercizio (sia per soggetti sani che per individui disabili o con limitazioni funzionali); sulle metodologie e le tecniche educative, comunicative e psico-motorie. Devono conoscere i benefici ed i rischi della pratica delle attività motorie in relazione alle diverse tipologie di soggetti. Devono aver appreso altresì i possibili correlati farmacologici più frequentemente utilizzati a scopo profilattico e terapeutico nelle malattie causa di disabilità, per poter conoscere gli effetti di queste sulle risposte ai test di esercizio; le procedure per fare fronte a situazioni di emergenza cardio-respiratoria, che possono insorgere in relazione ad un test di esercizio. Gli obiettivi di conoscenza e capacità di comprensione sono raggiunti attraverso l'insieme dei corsi di studio e delle attività teorico-pratiche sviluppate con sperimentazioni ed esercitazioni nei contesti specifici. L'acquisizione delle conoscenze e delle capacità di comprensione vengono valutate con esami di profitto e dimostrazioni di abilità proprie dell'educazione fisica e delle attività adattate.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: 

I laureati in Scienze dell'educazione motoria e delle attività adattate sono capaci di applicare le loro conoscenze allo scopo di affrontare e risolvere problematiche nuove o poco familiari, comunque ricadenti nel campo delle attività preventive e adattate. Nel dettaglio, devono essere in grado, in autonomia, di utilizzare avanzati strumenti culturali, metodologici e tecnico-pratici necessari per: • progettare ed attuare programmi di attività motoria finalizzata al raggiungimento ottimale del benessere psicofisico, al mantenimento o al recupero; • organizzare e pianificare particolari attività e suggerire stili di vita utili alla prevenzione delle malattie ed al miglioramento della qualità della vita mediante l'esercizio fisico; • prevenire vizi posturali e recuperare capacità motorie. • programmare attività motorie adattate a persone diversamente abili o ad individui in condizioni di salute clinicamente controllate e stabilizzate. Dovranno avere acquisito competenze riguardanti la direzione tecnica e la supervisione di programmi motori adattati a varie tipologie di soggetti, conoscendo le possibili complicanze che l'esercizio fisico può comportare in ciascuna categoria e le precauzioni per prevenirle. Dovranno altresì aver acquisito conoscenze relative ai fattori di rischio per soggetti con patologie cardiovascolari, polmonari, metaboliche e d'altra natura, e conoscere gli indicatori prognostici per soggetti ad alto rischio. Dovranno inoltre conoscere gli effetti di tali malattie sulla prestazione fisica e la salute del soggetto durante i test e la pratica dell'esercizio fisico, le condizioni tecniche e i sintomi clinici che impongono l'arresto di un test di esercizio. La capacità di applicare le conoscenze verrà sviluppata soprattutto nell'ambito dei tirocini e delle attività teorico-pratiche. L'acquisizione di tale capacità viene valutata attraverso gli esami di profitto e attraverso le relazioni condotte sotto la guida del tutor.

Autonomia di giudizio: 

I laureati in Scienze dell'educazione motoria e delle attività adattate devono essere in grado di collegare le conoscenze e gestire la complessità delle scienze e delle tecniche in un quadro di attività motorie preventive e adattate, nonchè in ambito educativo. I laureati in Scienze dell'educazione motoria e delle attività adattate devono avere acquisito competenze relativamente alla programmazione e alla supervisione di proposte individualizzate di esercizio fisico, basandosi su indicazioni sanitarie e dati di valutazione motorie, stabilendo il tipo di esercizio più appropriato (intensità, durata, frequenza, progressione, precauzioni) per un'ampia varietà di utenza che si estende dalla condizione di salute alle patologie croniche o alla disabilità fisica e/o psichica. Il laureato dovrà disporre di conoscenze relative gli adattamenti delle funzioni vitali dell'organismo umano in risposta alle pratiche di attività fisica, in relazione a vari tipi di soggetti e dovrà essere in grado di gestire i test di valutazione dell'esercizio fisico post-traumatico. Le capacità di integrare le conoscenze verranno acquisite sia mediante corsi teorici sia attraverso attività pratico-esercitative. In questo contesto, particolare rilievo viene dato alle attività di tirocinio. La valutazione dell'autonomia di giudizio conseguita viene effettuata attraverso verifiche sia convenzionali sia pratiche.

Abilità comunicative: 

I laureati in Scienze dell'educazione motoria e delle attività adattate devono saper comunicare in modo chiaro e privo di ambiguità le loro personali conclusioni, utilizzando un linguaggio adeguato in relazione alla tipologia dell interlocutore. In particolare, dovranno disporre di abilità comunicative in grado di attivare elementari interventi cognitivo-comportamentali utili per migliorare l'adesione ai programmi di attività motoria e la perseveranza nella loro prosecuzione. In questo ambito, in particolare, i laureati dovranno padroneggiare le metodologie e le tecniche educative, comunicative e psico-motorie rivolte a categorie diverse di persone (disabili, bambini, adulti, anziani). Le abilità comunicative verranno sviluppate anche nel corso di attività seminariali, di tirocinio e valutate specificatamente nel corso della prova finale.

Capacità di apprendimento: 

I laureati in Scienze dell'educazione motoria e delle attività adattate devono aver sviluppato capacità di apprendimento funzionali alla continuazione degli studi in autonomia anche per quanto riguarda i necessari aggiornamenti o mediante master di secondo livello e dottorati di ricerca. La valutazione di questa capacità viene effettuata in tutti gli esami di profitto e, più compiutamente, nello svolgimento della prova finale.

Ambiti occupazionali e accesso ad ulteriori studi

La qualifica dà accesso a: M1, M2, DR, corso di specializzazione.

La Laurea Magistrale prepara alle attività classificate dall'ISTAT come sottospecificato. In particolare in attesa che si disponga di una normativa che regoli le professioni nel settore delle Scienze Motorie e Sportive si identificano i seguenti sbocchi professionali: -insegnamento delle scienze motorie e sportive nell'ambito educativo come previsto dagli attuali programmi ministeriali -libero professionista che opera nelle strutture specificatamente deputate allo svolgimento di attività specifiche per soggetti portatori di o in pazienti portatori di handicap o patologie croniche in pazienti stabilizzati -esperto nella conduzione delle attività sportive praticate da soggetti disabili -responsabile nella realizzazione delle attività finalizzate al benessere psicofisico della persona. In particolare si specifica che le voci sottoindicate come: Professori di scuola pre-primaria, Specialisti nell'educazione e nella formazione di soggetti diversamente abili, Professori di scuola primaria, Professori di discipline tecniche e scientifiche, sono da intendersi limitatamente alle scienze motorie motorie e sportive. A T T E N Z I O N E La professione di “massaggiatore sportivo” che è di stretta pertinenza delle Scienze Motorie e Sportive e non si sovrappone affatto con le competenze di altre lauree (sanitarie) è compresa nel Codice ISTAT 3.2.1.4 che ha come titolo “Chinesiterapisti, fisioterapisti, riabilitatori ed assimilati”. E’ peraltro opportuno notare come la professione di “Chinesiologo” che e quella propria delle Lauree in Scienze Motorie non è prevista in alcun Codice ISTAT.

Prova finale

Titolo rilasciato: 

LAUREA DI SECONDO LIVELLO IN SCIENZE DELL'EDUCAZIONE MOTORIA E DELLE ATTIVITA' ADATTATE / LA QUALIFICA ACCADEMICA ASSOCIATA AL TITOLO E’ QUELLA DI “DOTTORE MAGISTRALE”

Caratteristiche della prova finale: 

La prova finale consiste nella presentazione di un elaborato originale e nella discussione individuale che si terrà in seduta pubblica e sarà valutato da una commissione. L'argomento della prova finale è affidato da un docente che, in qualità di relatore, ne curerà l'elaborazione. Le norme applicative sono contenute nell'apposito Regolamento Didattico del corso di studi.

Questa pagina è stata visitata 3 209 volte nell'ultimo anno. Fonte: Google Analytics.