sezioni

CONSULENZA DEL LAVORO E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

Scheda del corso
Anno Accademico di immatricolazione: 
2018/2019
Codice del corso di studio: 
0706L31
Tipo di corso: 
Laurea
Classe di laurea: 
L-16 - Classe delle lauree in Scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione
Dipartimento di afferenza: 
GIURISPRUDENZA
Durata in anni: 
3
Crediti: 
180
Sede didattica: 
TORINO
Lingua: 
Italiano
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso libero

Insegnamenti

Anno di corso: Attività formative non assegnate a un anno di corso

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Ammissione e iscrizione

Requisiti di accesso (Titoli): 

1 - Titolo di Scuola Superiore
2 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea
3 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea di Primo Livello
4 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea Specialistica
5 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea Magistrale
6 - Titolo di Scuola Superiore e Titolo straniero
7 - Titolo di Scuola Superiore

Anno di corso: Attività formative non assegnate a un anno di corso

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Obiettivi formativi

Il Corso di Laurea in Consulenza del lavoro e gestione delle risorse umane è teso a formare professionisti che abbiano capacità di analizzare il sistema sociale e i sistemi organizzativi, di interpretare il cambiamento e di stimolare efficacemente l'innovazione organizzativa nelle amministrazioni pubbliche e private. Per realizzare ciò il Corso di Laurea integra competenze diverse, economiche, giuridiche, sociologiche, politico-istituzionali, organizzativo-gestionali, legate alla disciplina degli enti e delle imprese e volte a conferire capacità di analisi del sistema sociale, di interazione con i lavoratori, di declinazione delle competenze in relazione all'ambito lavorativo di destinazione.
In altri termini, il laureato in Consulenza del lavoro e gestione delle risorse umane acquisisce le competenze necessarie per:
- operare con efficacia all'interno di strutture pubbliche o private interpretando il cambiamento e promuovendo l'innovazione nell'amministrazione ed organizzazione di enti con o senza scopo di lucro, ponendo la crescita delle risorse umane quale base di modelli organizzativi flessibili, ad alta sensibilità verso le variazioni e le turbolenze che investono la missione aziendale;
- operare con efficacia nel mercato del lavoro, cooperando all'organizzazione del lavoro in enti pubblici e privati, in organizzazioni del terzo settore e nelle imprese alla luce delle cognizioni socio-organizzative ed economiche acquisite;
- gestire all'interno di qualunque struttura pubblica o privata le risorse umane, le relazioni con il personale e con le organizzazioni sindacali, sulla base di conoscenze approfondite della disciplina giuridica dell'impresa e dello scambio di lavoro, del diritto della previdenza sociale e del diritto sindacale;
- interpretare il cambiamento e l'innovazione organizzativa in contesti istituzionali molteplici: pubblici, privati, del terzo settore, ponendo particolare attenzione allo sviluppo economico, sociale e civile del territorio di riferimento;
- svolgere la libera professione di consulente del lavoro, previo svolgimento di un periodo di praticantato e superamento del relativo esame di stato, ai fini dell'iscrizione all'Ordine dei Consulenti del Lavoro.

DESCRIZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO

Per soddisfare gli obiettivi prima enunciati, il Corso di laurea intende offrire agli studenti, all'interno delle Attività caratterizzanti, come delle Attività formative affini o integrative, per i diversi ambiti disciplinari, la possibilità di optare tra diversi settori scientifico disciplinari. Dal punto di vista dell'organizzazione didattica, il primo anno e una parte del secondo sono dedicati alla formazione di base indispensabile per il laureato e come attuazione del carattere multidisciplinare proprio del corso: gli esami che esprimono tale interdisciplinarietà sono, in particolare, Economia politica, Sociologia generale, Storia dello Stato moderno, Istituzioni di diritto pubblico, Istituzioni di diritto privato e Scienza politica. Durante gli anni successivi gli studenti possono definire il proprio percorso di studio seguendo un tracciato che affianca insegnamenti caratterizzanti bloccati ad altri insegnamenti a scelta degli studenti.

Competenze attese

Conoscenza e capacità di comprensione: 

I laureati devono dimostrare conoscenze e capacità di comprensione in un campo di studi di livello post secondario e saranno a un livello che, caratterizzato dall'uso di libri di testo avanzati, includerà anche la conoscenza di alcuni temi d'avanguardia nel proprio campo di studi (Dublino).
I laureati devono dimostrare conoscenze e capacità di comprensione di diverse materie in un approccio multidisciplinare che consenta di interpretare e analizzare la realtà del mercato del lavoro nelle imprese pubbliche e private. Ferma la base comune, ciascun laureato avrà avuto l'occasione di approfondire specifici temi tra cui la gestione delle risorse umane e tematiche attinenti all'impresa privata quali l'economia aziendale ed industriale e le relazioni industriali oppure la pubblica amministrazione e il rapporto di lavoro dei dipendenti pubblici. Particolare rilievo viene riservato allo studio del cosiddetto terzo settore. Ai fini dell'acquisizione delle competenze indicate, oltre alla tradizionale didattica frontale, verranno prescelte modalità didattiche interattive, in particolare attraverso la presentazione e discussione di studi di casi e l'utilizzo di esperti del mondo del lavoro pubblico e privato.
Tali conoscenze saranno verificate attraverso prove scritte e orali al termine dei corsi.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: 

I laureati, in termini operativi, acquisiscono capacità di risolvere problemi complessi relativi all'organizzazione e gestione delle imprese e delle pubbliche amministrazioni, nonché capacità di proporre soluzioni innovative a livello organizzativo e capacità di scegliere consapevolmente e di utilizzare operativamente gli strumenti metodologici e di analisi che il corso di studi gli ha fornito per prendere decisioni in condizioni di incertezza e di cambiamento strutturale.
Le modalità attraverso cui tali obiettivi saranno raggiunti si basano principalmente sull'esperienza derivante dai lavori di gruppo per l'analisi dei casi di studio, nonché sulla effettuazione di stage formativi.
Tali conoscenze saranno verificate nel corso degli stage formativi dai tutor preposti

Autonomia di giudizio: 

I laureati hanno la capacità di raccogliere e interpretare i dati (normalmente nel proprio campo di studio) ritenuti utili a determinare giudizi autonomi, inclusa la riflessione su temi sociali, scientifici o etici ad essi connessi (Dublino). Il presente Corso di studi ritiene indispensabile che i propri laureati possiedano:
• capacità di utilizzare le proprie conoscenze adattandole alla specifica realtà lavorativa;
• capacità di utilizzare la propria formazione interdisciplinare per affrontare le tematiche economico, sociali e civili legate allo sviluppo del territorio di riferimento;
• capacità di partecipare, ma anche di gestire e coordinare gruppi di lavoro;
• capacità di gestire e combinare risorse per il raggiungimento degli obiettivi;
• capacità di prendere decisioni assumendosene la responsabilità.
Le modalità attraverso cui tali obiettivi saranno raggiunti si basano essenzialmente sulla partecipazione attiva ai gruppi di analisi di casi di studio strutturati in modo che siano evidenziate le capacità critiche e di leadership degli studenti.
Tali conoscenze saranno verificate attraverso prove scritte e orali al termine dei corsi.

Abilità comunicative: 

I laureati devono essere in grado di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni a interlocutori specialisti e non specialisti (Dublino). Il corso di studi fornisce capacità di comunicare e presentare, in modo chiaro, dettagliato e esauriente, anche a destinatari non specialisti, il contenuto della propria attività lavorativa, le proposte ed i suggerimenti per innovare l'ambiente lavorativo in cui opera.
Lo strumento che si ritiene essere più adeguato a questo scopo è la partecipazione all'esperienza di stages formativi in ambito pubblico o privato.
Tali conoscenze saranno verificate nel corso degli stage formativi dai tutor preposti.

Capacità di apprendimento: 

I laureati devono aver sviluppato quelle capacità di apprendimento che sono loro necessarie per intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia (Dublino). L'obiettivo del Corso di studi non consiste nella sola erogazione di contenuti nei vari ambiti disciplinari, ma anche nella fornitura agli studenti di un metodo di studio e di un approccio all'apprendimento che stimoli la loro capacità critica e che costituisca la base per successivi studi. A questo proposito, agli studenti verrà offerta, in coordinamento con la Scuola, l'opportunità di seguire corsi, sul metodo di studio, per migliorare le loro capacità di apprendimento promuovendo l'autovalutazione delle risorse personali e stimolando l'elaborazione di strategie cognitive e motivazionali.
Tali conoscenze saranno verificate attraverso prove scritte e orali al termine dei corsi.

Prova finale

Caratteristiche della prova finale: 

La prova finale consiste nella presentazione di una relazione scritta individuale di non meno di 30 - 40 cartelle. Il contenuto della relazione può essere molto vario. A titolo esemplificativo, potrà consistere nell'analisi di un testo, nella discussione di un tema di attualità, in una ricerca di giurisprudenza su un dato tema, nel resoconto di un'esperienza di tirocinio, in una ricerca bibliografica ragionata e così via, secondo quanto previsto nel regolamento didattico del corso.

Questa pagina è stata visitata 14 275 volte nell'ultimo anno. Fonte: Google Analytics.