sezioni

COMUNICAZIONE PUBBLICA E POLITICA

Scheda del corso
Anno Accademico di immatricolazione: 
2018/2019
Codice del corso di studio: 
009506
Tipo di corso: 
Laurea Magistrale
Classe di laurea: 
LM-59 - Classe delle lauree magistrali in Scienze della comunicazione pubblica, d'impresa e pubblicita'
Dipartimento di afferenza: 
CULTURE, POLITICA E SOCIETA'
Durata in anni: 
2
Crediti: 
120
Sede didattica: 
TORINO
Lingua: 
Italiano
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso libero

Insegnamenti

Anno di corso: Attività formative non assegnate a un anno di corso

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Ammissione e iscrizione

Requisiti di accesso (Titoli): 

1 - Titolo straniero
2 - Laurea
3 - Laurea di Primo Livello
4 - Laurea Specialistica
5 - Laurea Magistrale

Obiettivi formativi

Il CdL Magistrale in Comunicazione pubblica e politica ha l'obiettivo di formare professionisti e analisti specializzati nelle seguenti aree di apprendimento, costituite sulla base di una forte interdisciplinarietà:
- Teoria della comunicazione: formazione avanzata, specificamente orientata all'ambito della comunicazione istituzionale, dei servizi e della politica, dell'innovazione tecnologica, strettamente connessa alle più aggiornate evidenze di ricerca. Particolarmente efficace, in questa direzione, la sinergia con l'Osservatorio dell'Università di Torino sulla Comunicazione Politica, realizzato dai docenti del CdL, che consente di mettere in relazione diretta attività di ricerca ed erogazione della didattica.
- Metodologia e pianificazione della comunicazione: formazione all'uso degli strumenti metodologici e tecnologici necessari all'analisi scientifica dei media e dei contenuti che essi veicolano all'opinione pubblica, ma anche all'uso degli strumenti per la corretta pianificazione di flussi comunicativi e informativi.
- Scienza politica e dell'opinione: formazione avanzata nel campo della teoria della democrazia e della partecipazione politica, della comunicazione elettorale e di quella destinata a supportare le azioni di policy-making, delle dinamiche dell'opinione pubblica e dei sondaggi.
- Promozione e sviluppo del territorio: formazione teorica e pratica per progettare e realizzare la comunicazione di eventi finalizzati a valorizzare le risorse del territorio come risorse strategiche per lo sviluppo economico sostenibile. Focus specifici sono previsti sul marketing delle città, la promozione per il turismo, l'economia dei distretti culturali e delle ICT.
- Informazione e giornalismo: formazione teorica ed empirica sul funzionamento delle logiche del giornalismo all'interno degli ecosistemi mediali complessi originati con l'affermazione delle piattaforme web 2.0.
- Reti telematiche e ICT: formazione teorica e applicata (sociologica, economica, giuridica) sui temi legati alla digitalizzazione nella pubblica amministrazione, nella erogazione di servizi al cittadino e al consumatore, nell'e-democracy e nella progettazione delle smart city anche al fine di valutarne l'impatto sociale ed economico.
Il percorso formativo è strutturato intorno ad un primo anno nel quale si concentra il maggior nume-ro di corsi ed esami (8, dei quali 6 di base per tutti e perciò obbligatori). In questo modo lo studente può affrontare il secondo anno con un bagaglio di conoscenze adeguato ad effettuare scelte di indirizzo specialistico più consapevoli tra i seguenti filoni: comunicazione pubblica, istituzionale e dei servizi, comunicazione politica, comunicazione del turismo e del territorio. Tale strutturazione del percorso formativo consente anche allo studente di dedicare il tempo necessario, nel corso del secondo anno, alle attività di stage e alla progettazione e redazione della tesi di laurea. Le attività di laboratorio sono distribuite su entrambe le annualità in modo da potenziare quanto più possibile l'in-tegrazione fra la dimensione teorica e quella più ancorata alle pratiche comunicative.

Competenze attese

Conoscenza e capacità di comprensione: 

OBIETTIVI: Gli insegnamenti di quest’area (politologici, sociologici e statistici) forniscono, sul piano generale, conoscenza avanzata nel campo della comunicazione politico-elettorale, dell'analisi delle dinamiche d’opinione attraverso i sondaggi e delle strategie comunicative. Sul piano specifico, lo studente conoscerà gli specialismi della consulenza politica, cioè di quelle figure professionali che operano, a vario titolo, all’interno di team di comunicazione politico-elettorale e di sostegno alle azioni di governo sul piano comunicativo.

STRUMENTI: Le conoscenze e capacità sono progressivamente conseguite attraverso il completamento del percorso di studio e saranno verificate attraverso il superamento delle prove d'esame.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: 

OBIETTIVI: Gli insegnamenti mettono innanzitutto lo studente nelle condizioni di conoscere i principali strumenti di market research interpretando dati di sondaggio e di flussi elettorali. Gli insegnano inoltre i principi dell'approccio strategico integrato e gli consentono di monitorare le opportunità comunicative di ciascun contesto competitivo, valutando l'esito delle strategie di costruzione del consenso messe in atto da manager campaign, portavoce, addetto pubbliche relazioni, ufficio stampa, web strategist, etc.

STRUMENTI: Le conoscenze e capacità conseguite sono verificate sia attraverso il superamento delle prove d’esame e idoneità, sia attraverso il monitoraggio dei risultati conseguiti partecipando ai Laboratori e attivandosi negli stages.

Autonomia di giudizio: 

Gli studenti svilupperanno il senso critico necessario a progettare soluzioni innovative per la comunicazione e ricerche fondate su ipotesi di lavoro originali. Acquisiranno le competenze necessarie a selezionare le metodologie più appropriate per svolgere analisi, studi e ricerche nel campo della comunicazione e impareranno a valutare l'efficacia strategica di una campagna di comunicazione o d'informazione o, ancora, la sostenibilità di un progetto.
Più specificamente, la capacità dei laureati di integrare le conoscenze e gestire la complessità – nonché la loro attitudine a formulare giudizi consapevoli delle conseguenze che ne possono derivare sul piano sociale ed etico – sarà alimentata attraverso l'erogazione di una didattica quanto più possibile interattiva in grado di stimolare la partecipazione degli studenti e, in particolare, attraverso il loro impegno attivo nelle consistenti attività laboratoriali previste nel quadro dell'offerta didattica.
La maturazione di un'adeguata autonomia di giudizio sarà complessivamente verificata a) durante i corsi attraverso l'interazione in aula; b) in sede di esame attraverso la qualità delle risposte ai quesiti o delle relazioni prodotte; c) in fase di stesura della tesi attraverso la capacità di sviluppare giudizi autonomi e argomentati.

Abilità comunicative: 

La frequenza dei corsi, dei laboratori e dei seminari svilupperà le capacità di comunicazione scritta e orale (attraverso la stesura di report, la realizzazione di presentazioni pubbliche, etc.) e la consuetudine all'interazione con altri esperti. Un ruolo centrale è svolto, in questo senso, dal lavoro di preparazione della tesi di laurea magistrale. Il CdL prevede anche la possibilità di approfondire le competenze linguistiche per migliorare la capacità di comunicazione in ambito internazionale.

Capacità di apprendimento: 

Sia nell'attività didattica che nella preparazione della tesi di laurea il personale docente ha l'obiettivo di trasmettere, oltre alle nozioni specifiche previste, una metodologia scientifica di studio e ricerca tale da consentire l'autonomo reperimento delle informazioni necessarie ad affrontare problemi complessi e da sviluppare la capacità di trasferire le competenze acquisite in tempi e contesti diversi. Ciò al fine di mettere il laureato nelle condizioni di affrontare in modo autonomo ed efficace l'ulteriore approfondimento dei temi di interesse nella vita professionale o negli studi successivi.
Il CdL si propone inoltre di trasmettere capacità di analisi quantitativa e gestione dei dati, di utilizzo di banche dati digitali, di lavoro di gruppo (tradizionali e online).
Le competenze acquisite saranno costantemente sottoposte a verifica attraverso una sistematica attività di tutorato.

Ambiti occupazionali e accesso ad ulteriori studi

La qualifica dà accesso a: M1, M2, DR, corso di specializzazione.

Il Corso di Laurea Magistrale offre un titolo di studio che dà priorità nei concorsi banditi dalle pubbliche amministrazioni per addetti a Uffici stampa e Uffici relazioni con il pubblico in base alla legge 150/2000, nell'ambito del management della comunicazione per la gestione, l'organizzazione e la gestione di strutture per le relazioni con il pubblico, la progettazione e la realizzazione di piani di comunicazione integrata, nell'ambito di enti pubblici, non profit e delle imprese.
In particolare forma le seguenti figure professionali:
- Addetti al management della comunicazione in enti pubblici e aziende private a livello locale, nazionale e internazionale
- Dirigenti nel settore della comunicazione pubblica e istituzionale
- Operatori degli Uffici di Relazione con il Pubblico (URP)
- Professionisti nella consulenza politica e nel marketing elettorale
- Esperti di comunicazione ITC
- Ricercatori e analisti nel campo della comunicazione.

Prova finale

Titolo rilasciato: 

LAUREA DI SECONDO LIVELLO IN COMUNICAZIONE PUBBLICA E POLITICA / LA QUALIFICA ACCADEMICA ASSOCIATA AL TITOLO E' QUELLA DI DOTTORE MAGISTRALE

Caratteristiche della prova finale: 

La prova finale consiste in un elaborato di ricerca originale con valenza scientifica che il candidato produce in forma scritta sotto la guida di uno o più docenti relatori.
Tale elaborato viene discusso dal candidato davanti ad una commissione di laurea costituita secondo il regolamento di Dipartimento.