sezioni

MEDICINA VETERINARIA

Scheda del corso
Anno Accademico di immatricolazione: 
2018/2019
Codice del corso di studio: 
010502
Tipo di corso: 
Laurea Magistrale a Ciclo Unico
Classe di laurea: 
LM-42 - Classe delle lauree magistrali in Medicina veterinaria
Dipartimento di afferenza: 
SCIENZE VETERINARIE
Durata in anni: 
5
Crediti: 
300
Sede didattica: 
GRUGLIASCO
Lingua: 
Italiano
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso programmato nazionale

Insegnamenti

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Anno di corso: 4

Anno di corso: 5

Ammissione e iscrizione

Requisiti di accesso (Titoli): 

1 - Titolo di Scuola Superiore
2 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea
3 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea di Primo Livello
4 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea Magistrale
5 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea Specialistica
6 - Titolo di Scuola Superiore e Titolo straniero

Test di ammissione: 
https://esse3.unito.it/Admission/DettaglioConcorsi.do?cds_id=10132&aa_off_id=201...

Obiettivi formativi

Gli obiettivi della nostra laurea magistrale in medicina veterinaria sono quelli di fornire un'adeguata preparazione dal punto di vista tecnico professionale, etico e di rapporto con il cliente in modo tale da formare un medico veterinario in grado di lavorare nelle principali branche della professione. Ulteriori obiettivi sono rappresentati dal porre le basi per un successivo approfondimento in settori professionali specifici. Inoltre il corso di laurea si pone l'obiettivo ed intende fornire gli strumenti atti a preparare il laureato ad affrontare una didattica di livello superiore.
La figura professionale che si intende formare potrà svolgere una attività libero professionale, operare nel Servizio sanitario Nazionale, nelle Forze Armate, nell'Industria Pubblica e Privata, in ambito zootecnico e farmaceutico e negli Enti di ricerca.
Il percorso formativo si articola in tre fasi: una prima fase caratterizzata dall'acquisizione delle conoscenze delle scienze di base (chimica, biochimica, fisica, botanica, zoologia, zootecnica generale, anatomia e fisiologia), seguita da una seconda fase di materie caratterizzanti (zootecnica generale e speciale, nutrizione e alimentazione animale, zooculture, malattie infettive ed infestive degli animali domestici, patologia generale e anatomia patologica veterinaria, ispezione degli alimenti di origine animale, farmacologia e tossicologia veterinaria, clinica medica, chirurgica, ostetrica e ginecologica veterinarie, informatica), ed un'ultima fase di tirocinio, finalizzata all'acquisizione di una adeguata preparazione pratica nelle materie professionali sotto opportuno controllo (Dir. 2005/36/EC-5.4.1)che riguarderà le materie cliniche, le zootecnie e l'ispezione degli alimenti. Come indicato dal Ministero saranno effettuati 30 CFU di tirocinio per complessive 750 ore.
La verifica del raggiungimento degli obbiettivi sarà effettuata mediante prove in itinere durante i corsi ed esami al termine dei corsi stessi. L'acquisizione delle abilità pratiche verrà monitorata costantemente dai tutor incaricati.

Competenze attese

Conoscenza e capacità di comprensione: 

La prima fase del percorso formativo, finalizzata all'acquisizione delle conoscenze nelle scienze di base, si propone di guidare lo studente ad individuare i principi biologici nel loro contesto funzionale, partendo dal livello molecolare, sino alla complessità di organizzazione da cui risulta il funzionamento e l'evoluzione di tessuti, organi, apparati e organismi. Lo studente dovrà comprendere la valenza interdisciplinare delle singole attività e la loro importanza in chiave interpretativa nella pratica professionale, anche ai fini del miglioramento quali-quantitativo delle produzioni. Il percorso prosegue con attività formative di tipo preclinico finalizzate a fornire le conoscenze riguardo i fattori gestionali che influenzano il benessere animale e la qualità dei prodotti di origine animale, la sicurezza alimentare e la sanità pubblica, lo studio dei processi patologici e la farmacologia. Infine le attività formative di tipo clinico si propongono di fare acquisire le conoscenze necessarie per la comprensione dell'eziopatogenesi, epidemiologia, sintomatologia, diagnosi, diagnosi differenziali, prevenzione e principi generali di terapia e controllo delle principali malattie, nonché le tecniche chirurgiche di base e le applicazioni della chirurgia in campo veterinario.
Tali conoscenze sono acquisite mediante lezioni teoriche e attività pratico-esercitative.
L’accertamento delle conoscenze viene verificato mediante esami teorici, scritti e orali, e prove pratiche mirati alla valutazione della capacità di esposizione e di sintesi dei concetti appresi, alla capacità di collegare tra loro le nozioni acquisite in discipline diverse e di risolvere problematiche e quesiti applicativi dei concetti appresi.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: 

Le attività formative, attraverso lezioni teoriche, esercitazioni pratiche ed attività guidate, sono finalizzate a sviluppare la capacità di effettuare una interpretazione logica e sequenziale delle Le attività formative, attraverso lezioni teoriche, esercitazioni pratiche ed attività guidate, sono finalizzate a sviluppare la capacità di effettuare una interpretazione logica e sequenziale delle successioni causa-effetto dei processi biologici. Lo studente dovrà essere in grado di rilevare lo stato di salute, di malattia ed il benessere dell'animale singolo ed in allevamento, ivi compresi gli organismi acquatici e di valutarne gli aspetti antropozoonosici, allo scopo di approntare gli interventi idonei a rimuovere lo stato di malattia o prevenirne la comparsa. Lo studente dovrà inoltre acquisire la capacità di condurre una necroscopia, identificare le lesioni e interpretare i reperti patologici. Infine lo studente dovrà acquisire le competenze per valutare l'igiene e la sicurezza dei processi produttivi riguardanti gli alimenti di origine animale, integrando approfondimenti tecnologici, normativi e sanitari.
Le conoscenze teoriche e le manualità pratiche vengono apprese durante i corsi e le attività esercitative e consolidate dagli studenti durante lo svolgimento delle attività di tirocinio presso strutture del Dipartimento o strutture esterne convenzionate. In questa fase lo studente, sotto la supervisione del tutor di riferimento, partecipa in prima persona all’intero processo, confrontandosi con le problematiche della pratica professionale e applicando le competenze acquisite nell'intero percorso formativo.
L’acquisizione delle competenze viene verificata in base alla tipologia dell’attività formativa mediante esami teorici scritti e orali e/o prove pratiche.

Autonomia di giudizio: 

La formazione in aula verrà integrata da una consistente attività di laboratorio e sperimentale che potrà svolgersi presso strutture interne all'ateneo, ambulatori, cliniche veterinarie ed enti pubblici, strutture di ricerca in Italia e all'estero nel corso della quale lo studente avrà modo di mettere in pratica le conoscenze teoriche e pratiche acquisite durante il corso di studi. L'integrazione tra formazione teorica e pratica, rafforzata dal considerevole numero di CFU assegnati alle parti pratiche e al tirocinio, permetterà di sviluppare una capacità di analisi degli elementi e dei dati raccolti volta alla formulazione di un giudizio critico ed interpretativo. L'autonomia di giudizio, indispensabile per poter esercitare correttamente la professione, potrà essere acquisita e verificata, quindi, oltre che mediante lezioni ex-cathedra, durante esercitazioni e tirocini effettuati a piccoli gruppi sotto la guida e la supervisione di un docente. Per le attività cliniche, ad esempio, si sono previsti gruppi di 3 – 5 studenti che si eserciteranno per non meno di 600 ore e potranno disporre di non meno di 1000 casi clinici. Riteniamo che questa sia una innovazione particolarmente positiva ai fini del raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Abilità comunicative: 

Il laureato magistrale dovrà aver fatto proprie adeguate competenze e strumenti per la gestione e la comunicazione dell'informazione. La professione veterinaria richiede innanzi tutto una buona abilità di comunicazione con il cliente; essa consente di perfezionare la diagnosi e di far si che i rimedi individuati siano effettivamente attuati dal cliente. Tale abilità dovrà anche essere estesa ad altri specialisti con i quali il laureato potrà essere chiamato a collaborare. L'accertamento dell'acquisizione delle abilità comunicative avverrà con i sistemi classici (esami scritti, orali, prove in itinere, etc) e sarà completato nel corso delle esercitazioni a piccoli gruppi. Il laureato dovrà essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano, con riferimento anche al lessico disciplinare.

Capacità di apprendimento: 

Il laureato magistrale dovrà aver conseguito una elevata capacità operativa nelle discipline che caratterizzano la classe, che gli consenta di lavorare in autonomia e di assumere responsabilità nello sviluppo e/o applicazione originale di idee, spesso in un contesto di ricerca. Al termine del percorso formativo il laureato magistrale avrà conseguito un livello di apprendimento tale che gli consentirà di proseguire negli studi di 3° ciclo (corsi di dottorato di ricerca, corsi di specializzazione; corsi di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente finalizzati al rilascio del Master Universitario di 2° livello).

Prova finale

Titolo rilasciato: 

LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN MEDICINA VETERINARIA/ LA QUALIFICA ASSOCIATA AL TITOLO E’ QUELLA DI “DOTTORE MAGISTRALE”

Caratteristiche della prova finale: 

Il corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina veterinaria ha di norma una durata di cinque anni e corrisponde al conseguimento di 300 crediti formativi universitari (CFU). Si conclude con l'acquisizione dei CFU corrispondenti al superamento della prova finale (10 CFU) che consiste nella discussione di un elaborato scritto strutturato secondo le linee di una pubblicazione scientifica, preparato dallo studente sotto la supervisione di un relatore e concernente un'esperienza scientifica originale, attinente ai temi della medicina veterinaria e funzionale all'accertamento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione.