sezioni

SCIENZE DEL CORPO E DELLA MENTE

Scheda del corso
Anno Accademico di immatricolazione: 
2018/2019
Codice del corso di studio: 
1505M21
Tipo di corso: 
Laurea Magistrale
Classe di laurea: 
LM-51 - Classe delle lauree magistrali in Psicologia
Dipartimento di afferenza: 
PSICOLOGIA
Durata in anni: 
2
Crediti: 
120
Sede didattica: 
TORINO
Lingua: 
Italiano
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso libero

Insegnamenti

Anno di corso: Attività formative non assegnate a un anno di corso

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Ammissione e iscrizione

Requisiti di accesso (Titoli): 

1 - Titolo straniero
2 - Laurea Magistrale
3 - Laurea Specialistica
4 - Laurea
5 - Laurea di Primo Livello
6 - Laurea Magistrale
7 - Laurea Specialistica
8 - Laurea di Primo Livello
9 - Laurea

Obiettivi formativi

Il corso di laurea magistrale in Scienze del corpo e della mente si propone come un corso interdipartimentale che intende integrare conoscenze psicologiche approfondite con conoscenze di tipo medico.
La figura professionale che questa laurea magistrale si prefigge di formare è quella di uno psicologo più esperto e più attento al ‘soma' (attenzione che spazia dalla conoscenza dei risultati delle neuroscienze, alla conoscenza dei fenomeni psichici che influenzano le malattie psicosomatiche e il decorso della cura medica). Questa nuova figura di psicologo nasce dalle esigenze emerse congiuntamente nella ricerca in neuropsicologia, così come in diversi contesti professionali e sanitari. La necessità di coniugare i processi psicologici al benessere fisico e mentale è di primaria importanza sia in termini di linee di ricerca di attuale interesse, sia nei termini delle esigenze di strutture ospedaliere e di servizi medico-psicologici pubblici e privati.
L'impostazione scientifica e didattica del corso di laurea in Scienze del corpo e della mente ha perciò il duplice scopo di fornire una buona conoscenza della psicologia scientifica moderna insieme ad alcune nozioni mediche di base che permettano di comprendere ed indagare le articolate relazioni tra mente, cervello e corpo. In altre parole, si propone un modello formativo che integri le più recenti metodologie di ricerca della psicologia scientifica con i domini della medicina fondamentali per la comprensione del rapporto tra mente, sistema nervoso centrale e corpo e le loro reciproche influenze. In quest'ottica una particolare attenzione sarà data ai recenti risultati nell'ambito delle neuroscienze di base, le neuroscienze cognitive e sociali e le loro relazioni con diverse forme di disturbi mentali (sia di tipo organico e degenerativo, sia clinico e psichiatrico). Rispetto alle discipline psicologiche il curriculum formativo riguarda principalmente gli ambiti della Psicologia generale, la Psicologia fisiologica, la Psicometria, la Psicologia clinica e la Neuropsicologia clinica. Nell'ambito medico, invece, l'offerta formativa si focalizza principalmente sulle Neuroscienze di base, le Neuroscienze cognitive e sociali, la Farmacologia e Farmacoterapia e la Psichiatria e Neurpsichiatria infantile. In aggiunta ad un'ampia offerta formativa interdisciplinare, che prevede corsi obbligatori e corsi a scelta sia tra le discipline psicologiche sia tra quelle mediche, il corso magistrale offre diverse occasioni di apprendimento più applicativo ed esperienziale attraverso l'attivazione di diversi laboratori pratici, sia in ambito psicologico sia medico volti ad illustrare concretamente i processi necessari per lo sviluppo di un progetto di ricerca, o a mostrare le procedure e la realizzazione di protocolli d'intervento.
Trasversalmente ai contenuti delle due discipline, il percorso formativo pone l'attenzione sulle diverse metodologie d'indagine disponibili sia in psicometria sia nell'ambito delle neuroscienze (es. tecniche di neuro-immagine, stimolazione transcranica ecc.). Alcuni insegnamenti hanno infatti lo specifico intento di comprendere il significato e il funzionamento di diverse metodologie volte ad indagare sia le attività funzionali del cervello sia il funzionamento psichico dell'individuo. L'attenzione alle diverse metodologie sperimentali è in ragione della particolare attenzione prestata all'interscambio tra didattica e ricerca teorica e applicata. Sono previsti anche insegnamenti volti alla formazione deontologica della professione, fondamentali per il lavoro in contesti istituzionali ed ospedalieri.
La formazione scientifica interdisciplinare e le competenze metodologiche acquisite con la laurea magistrale in Scienze del corpo e della mente mettono i laureati in grado di proseguire proficuamente gli studi alle scuole di specializzazione di ambito psicologico, neuropsicologico e dei dottorati di ricerca in discipline psicologiche, in neuroscienze e in scienze cognitive. Inoltre, le conoscenze mediche e l'interesse rispetto alla relazione tra i processi mentali, le disfunzioni cerebrali e le malattie somatiche dovrebbero altresì permettere ai laureati di accedere alle professioni di neuropsicologo e psicologo ospedaliero (come interfaccia tra le diverse competenze ospedaliere nella relazione tra Mente, Corpo e Cervello). Tale profilo curriculare dovrebbe infatti consentire ad un laureato di collocarsi in strutture sanitarie pubbliche e private, oltre che rendere possibile l'accesso ad una carriera nell'ambito della ricerca scientifica, oltre ad ulteriori percorsi formativi professionalizzanti.

Competenze attese

Conoscenza e capacità di comprensione: 

Il Corso di Laurea magistrale in Scienze del Corpo e della Mente è un corso di laurea interdipartimentale che ha come obiettivo quello di offrire una formazione interdisciplinare e integrata della psicologia scientifica moderna e delle sue connessioni con le scienze umane, biologiche, mediche e cliniche. Il corso di Laurea ha lo scopo di fornire un modello formativo che integri le più recenti metodologie di ricerca della psicologia scientifica con i domini della medicina fondamentali per la comprensione del rapporto tra mente, sistema nervoso centrale e corpo e le loro reciproche influenze. Gli ambiti principali saranno quelli della Psicologia generale, Psicologia fisiologica, Psicometria, Psicologia clinica e Neuropsicologia clinica unite a quelle delle Neuroscienze di base, delle Neuroscienze cognitive e sociali, della Farmacologia e Farmacoterapia e della Psichiatria.
I laureati magistrali in Scienze del corpo e della mente possiedono conoscenze e capacità di comprensione che estendono e rafforzano quelle associate al primo ciclo e consentono di elaborare e applicare idee originali sia in contesti professionali sia in contesti di ricerca. Essi conoscono, comprendono e sono in grado di analizzare criticamente materiali culturali e scientifici avanzati e aspetti di conoscenza di frontiera nei settori scientifico-disciplinari che caratterizzano il dominio degli studi. Tali conoscenze e capacità di comprensione e critica includono conoscenze avanzate e comprensione critica delle principali teorie di riferimento sul funzionamento normale e patologico della mente/cervello, delle relative metodologie d'indagine sperimentale e clinica e dei relativi strumenti di elaborazione statistico-matematica, delle problematiche epistemologiche e deontologiche del lavoro psicologico. Inoltre, le conoscenze avanzate acquisite in almeno un’area tematica degli ambiti disciplinari sopra citati, rende possibile l'accesso a una scuola di specializzazione, un dottorato di ricerca o un master a essa inerente.
Per raggiungere tali risultati il corso utilizza metodologie didattiche attive anche sotto forma di laboratori che affiancheranno insegnamenti di preparazione teorica e pratica nei quali verranno utilizzati libri di testo avanzati e recenti articoli scientifici pubblicati su riviste internazionali del settore relativi ai temi d'avanguardia nel campo di studi.
L'ampiezza e la profondità dell'acquisizione delle conoscenze e capacità di comprensione saranno valutate per ciascun insegnamento o attività didattica, mediante le forme previste di verifica del profitto (esame, prova di idoneità, relazioni scritte e/o presentazioni orali, valutazione in itinere durante le attività laboratoriali, ecc), e mediante la prova finale.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: 

La formazione scientifica interdisciplinare e le competenze metodologiche acquisite con la laurea magistrale in Scienze del Corpo e della Mente rendono i laureati capaci di applicare le loro conoscenze e capacità di comprensione critica nel risolvere problemi inseriti in tematiche nuove e non familiari negli ambiti della Psicologia generale, fisiologica, clinica, sociale, evolutiva, della Psicometria, della Neuropsicologia clinica e Neuroscienze cognitive. Inoltre sono in grado di esercitare tali abilità in contesti più ampi e interdisciplinari connessi al proprio settore di studio e di intervento. Tali capacità di applicare conoscenza e comprensione includono:
revisionare analiticamente e argomentare criticamente le tematiche culturali e scientifiche appartenenti ai settori di riferimento; realizzare connessioni teoriche tra tematiche appartenenti a settori scientifico-disciplinari differenti (es. relazioni tra eventi mentali ed eventi cerebrali, relazioni tra funzionamento psicologico patologico e non, etc.); utilizzare strumenti di tipo sperimentale, psicometrico e statistico anche al fine di realizzare un progetto di ricerca; comprendere l'uso di tali strumenti nella valutazione del funzionamento normale e patologico del cervello umano; utilizzare alcuni strumenti in ambito clinico e metodologie per la realizzazione di un progetto di intervento; applicare le conoscenze accademiche in contesti professionali di ambito psicologico, clinico, neuropsicologico e ospedaliero. In relazione agli ambiti affini quali ad esempio le Neuroscienze di base, la Neurologia, la Farmacologia e la Psichiatria ma anche l'Intelligenza artificiale e la Filosofia, gli studenti acquisiranno la capacità di revisionare analiticamente le principali tematiche culturali e scientifiche appartenenti ai settori di riferimento.
Per l'ottenimento di queste capacità il corso offre agli studenti occasioni di lavoro individuale e di gruppo sui temi teorici e pratici della disciplina, con l'eventuale richiesta di presentare relazioni e sintesi sul lavoro svolto. Grazie ai corsi teorici e alle attività pratiche e di esercitazione svolte in parallelo, lo studente acquista la capacità di ragionare analiticamente, di stabilire correlazioni tra gli aspetti soggettivi, quelli organico-biologici e quelli storici della mente e del comportamento umano normale e patologico, e di progettare interventi consequenzialmente. Particolare attenzione viene data alla presentazione di casi e ricerche sui quali gli studenti sono invitati a elaborare analisi critiche e ragionamenti pratici. Fondamentale in questo senso è anche l'attività di laboratorio. Il corso di studi offre altresì occasioni di confronto con testimoni eccellenti della comunità scientifica e professionale. L'ampiezza e la profondità dell'acquisizione della capacità di applicare conoscenza e comprensione vengono valutate, per ciascun insegnamento o attività didattica, mediante le forme previste di verifica del profitto (esame, prova di idoneità, presentazioni orali, discussioni di gruppo, valutazioni in itinere delle attività pratiche svolte etc.) e mediante la prova finale.

Autonomia di giudizio: 

I laureati magistrali in Scienze del corpo e della mente sono in grado di integrare conoscenze complementari e di gestire la complessità delle informazioni ricevute in ambito psicologico e delle neuroscienze. Essi sono inoltre in grado di formulare giudizi autonomi sulla base di informazioni parziali.

Tali capacità e autonomia di giudizio includono:
- la riflessione sulle responsabilità etiche, legali, sociali e professionali collegate all'applicazione delle loro conoscenze;
- la consapevolezza delle norme etiche, legali e sociali che regolano le linee guida della ricerca scientifica e dell'esercizio della professione in ambito psicologico e le conseguenti responsabilità nel loro rispetto e nella loro applicazione.

L'obiettivo è quello che lo studente di Scienze del corpo e della mente conosca e padroneggi la complessa relazione tra mente, corpo e cervello e sia in gardo di declinarla nell'ambito del processo di cura o nell'ambito della ricerca.

L'acquisizione di queste capacità avviene nell'ambito sia dei corsi teorici sia delle attività pratiche, seminariali e di esercitazione svolte in parallelo. Fondamentale in questo senso sarà l'attività di laboratorio. Ai laboratori viene dato un ampio spazio: nel piano di studi vengono individuati 15 cfu obbligatori su un'offerta complessiva vasta, in modo che lo studente di Scienze del corpo e della mente possa scegliere in base ai suoi interessi e alle sue curiosità professionali e intellettuali le esperienze da approfondire nella pratica.

L'ampiezza e la profondità dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio vengono valutate per ciascun insegnamento o attività didattica, mediante le forme previste di verifica del profitto (esame, relazione del docente del laboratorio, prova di idoneità etc.) inoltre, l'autonomia di giudizio verrà valutata in particolare nell'ambito della prova finale a cui sono stati assegnati 15 cfu.

Abilità comunicative: 

I laureati magistrali in Scienze del corpo e della mente dovranno essere in grado di comunicare in modo chiaro e articolato, a interlocutori specialisti e non specialisti, le loro ipotesi, idee e conclusioni, nonché le conoscenze e le ragioni che le sostengono.

Tali abilità comunicative includono:

- la capacità di esporre in maniera chiara e articolata i contenuti appresi nel corso di studi;
- la capacità di presentare accademicamente una tematica teorica o i risultati di una ricerca empirica in forma orale e scritta;
- la capacità di presentare in pubblico le premesse teoriche, la struttura, il metodo e i risultati di una ricerca nell'area di riferimento che sia stata condotta da loro stessi o da altri ricercatori;
- la capacità di comprendere ed effettuare critiche costruttive rispetto alla presentazione di una ricerca teorica o empirica, formale o informale, effettuata da terzi.

Per ottenere questi risultati il corso di studi offre occasioni di apprendere le modalità con le quali la comunità scientifica e professionale comunica ipotesi, metodologie, strumenti, risultati e conclusioni. Gli studenti hanno altresì occasione di partecipare a esperienze di ricerca e di pratica e di procedere alla loro presentazione in varie forme al fine di comprendere le opportunità, la fruibilità e i limiti delle diverse tipologie di comunicazione.

Queste capacità verranno sviluppate e verificate in particolar modo nel corso delle attività di laboratorio e durante i seminari dove una grande attenzione verrà data alla relazione e comunicazione medico e paziente.

L'ampiezza e la profondità dell'acquisizione delle abilità comunicative vengono valutate:
- per ciascun insegnamento o attività didattica, mediante le forme previste di verifica del profitto (esame, prova di idoneità etc.);
- mediante la prova finale.

Capacità di apprendimento: 

La laurea Magistrale in Scienze del corpo e della mente si presenta come un percorso formativo completo. Sarà una scelta del laureato se intraprendere una formazione ulteriore attraverso Dottorati di Ricerca, Scuole di Specializzazione post lauream o Master. La laurea Magistrale in Scienze del corpo e della mente preparerà i laureati in modo che la loro formazione sia sufficiente a svolgere la professione psicologica secondo l'ordinamento professionale in vigore e eventualmente a proseguire la loro formazione con percorsi di terzo livello.

I laureati magistrali in Scienze del corpo e della mente avranno adeguate capacità di apprendimento che consentiranno loro di continuare a studiare in modo prevalentemente autonomo e auto-diretto.

Tali capacità di apprendimento includono:
- la capacità di autovalutare e verificare l'effettivo raggiungimento del livello di apprendimento desiderato;
- la capacità di revisionare i metodi di studio e le strategie di apprendimento nel caso che il livello di apprendimento desiderato non sia stato raggiunto;
- la consapevolezza della necessità di un aggiornamento continuo rispetto alle tematiche inerenti il loro corso di studi per salvaguardare la qualità del loro lavoro e l'attendibilità della loro figura professionale;
- la capacità di apprendere dall'esperienza maturata e di modificare, aggiornare e arrichire le proprie competenze professionali.

Per ottenere queste conoscenze e competenze gli insegnamenti tradizionali sono integrati con seminari, esercitazioni e altre forme di didattica attiva al fine di incrementare ulteriormente le capacità di utilizzare in piena autonomia gli strumenti (biblioteche, accesso alle comunità scientifiche e professionali rilevanti, banche dati, risorse informatiche, software applicativi e analitici) che consentano agli studenti un aggiornamento continuo rispetto alle teorie e alla prassi di riferimento.

L'ampiezza e la profondità dell'acquisizione delle capacità di apprendimento vengono valutate:
- per ciascun insegnamento o attività didattica, mediante le forme previste di verifica del profitto (esame, prova di idoneità etc.);
- mediante le relazioni dei docenti dei laboratori;
- mediante la prova finale.

Ambiti occupazionali e accesso ad ulteriori studi

La qualifica dà accesso a: M1, M2, DR, corso di specializzazione.

Prova finale

Titolo rilasciato: 

LAUREA DI SECONDO LIVELLO IN SCIENZE DEL CORPO E DELLA MENTE / LA QUALIFICA ACCADEMICA ASSOCIATA AL TITOLO E’ QUELLA DI “DOTTORE MAGISTRALE”

Caratteristiche della prova finale: 

La prova finale consiste nella preparazione e nella discussione di una tesi individuale o di piccolo gruppo, dove sia individuabile in quest'ultima il contributo di ciascuno.
La tesi è un elaborato originale che testimoni la padronanza delle conoscenze e competenze acquisite nel corso di studi e la capacità di sviluppare e portare a compimento un lavoro di ricerca o di revisione e analisi critica della letteratura scientifica nell'ambito di riferimento scelto. L'elaborato può configurarsi come una rassegna critica della bibliografia relativa a un argomento specifico o come un lavoro empirico di raccolta, elaborazione e interpretazione di dati. La tesi viene preparata sotto la supervisione di un relatore; il relatore è un docente ufficiale del Dipartimento o un docente afferente al corso di laurea magistrale, a meno di specifica autorizzazione da richiedersi al CCLM motivatamente e specificando la natura della dissertazione. La tesi può essere scritta in lingua italiana o, dietro richiesta motivata dello studente e autorizzazione del relatore, in inglese; nel secondo caso, deve includere un ampio e articolato riassunto in italiano.

Questa pagina è stata visitata 8 156 volte nell'ultimo anno. Fonte: Google Analytics.