sezioni

FISICA

Scheda del corso
Anno Accademico di immatricolazione: 
2018/2019
Codice del corso di studio: 
008703
Tipo di corso: 
Laurea
Classe di laurea: 
L-30 - Classe delle lauree in Scienze e tecnologie fisiche
Dipartimento di afferenza: 
FISICA
Durata in anni: 
3
Crediti: 
180
Sede didattica: 
TORINO
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso libero

Insegnamenti

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Ammissione e iscrizione

Requisiti di accesso (Titoli): 

1 - Titolo di Scuola Superiore
2 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea
3 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea di Primo Livello
4 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea Specialistica
5 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea Magistrale
6 - Titolo di Scuola Superiore e Titolo straniero
7 - Titolo di Scuola Superiore

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Obiettivi formativi

Gli obiettivi formativi del Corso di Laurea sono orientati verso una solida formazione di base in fisica classica e moderna che, pur aperta a successivi affinamenti nei corsi di secondo livello, consenta al
laureato di inserirsi in attivita' lavorative che richiedono familiarita' col metodo scientifico e le sue applicazioni quantitative, nonche' capacita' di utilizzo di strumentazioni ed attrezzature di laboratorio adeguate alle tecnologie attualmente in uso.
In particolare fin dal primo anno vengono offerti approcci all'uso del calcolatore come strumento di analisi di problematiche fisiche; sono richiesti obbligatoriamente 5 corsi di laboratorio, che portino dalla conoscenza guidata delle tematiche e delle metodologie della Fisica Classica fino all'uso autonomo di strumentazioni ed all'approccio con tematiche di Fisica Moderna; e' offerta la possibilita' di approfondire tematiche relative all'elettronica, alla programmazione, alla fisica ambientale, accanto a corsi che introducano alla eventuale successiva scelta di un particolare curriculum della laurea magistrale

Competenze attese

Conoscenza e capacità di comprensione: 

* una conoscenza approfondita dei principi della meccanica classica,
della termodinamica, dell'elettromagnetismo, e della matematica
necessaria per la loro comprensione e applicazione, acquisita attraverso i corsi di base e i laboratori del I e II anno;
* conoscenza dei principi fondamentali della meccanica quantistica e
della relativita' ristretta, e delle loro basi teoriche e sperimentali, acquisita nei corsi obbligatori del II e III anno;
* comprensione dei concetti di base della struttura
della materia, della meccanica statistica, della fisica nucleare e
subnucleare, anche in via propedeutica al corso di Laurea Magistrale, attraverso i corsi obbligatori del III anno, che includono anche esperienze di laboratorio;
* comprensione delle modalita' di funzionamento delle strumentazioni di Laboratorio tipicamente utilizzate nelle misure fisiche e dei metodi statistici elementari per l'analisi dei dati sperimentali;
* conoscenze di base nell'ambito dell'informatica e comprensione delle metodologie di programmazione, sia attraverso dei corsi obbligatori dedicati, sia mediante l'utilizzo graduale delle tecniche informatiche nella didattica del triennio, sia infine nella preparazione della prova finale
Strumenti di verifica sono esami orali e/o scritti.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: 

* capacita' di utilizzare strumenti matematici ed informatici nella
risoluzione di problemi mediamente complessi, incluso lo
sviluppo di programmazione elementare, che si evidenzia con la soluzione di problemi durante tutto il percorso di laurea e in modo particolare nella preparazione della prova finale;
* valutazione degli ordini di grandezza in situazioni fisicamente
differenti ma che mostrano analogie, permettendo percio' l'uso di soluzioni conosciute in problemi nuovi;
* capacita' di effettuare misure di Laboratorio con l'utilizzo di strumentazione moderna, sviluppata attraverso tutto il percorso di laboratorio;
* capacita' di interpretare i dati sperimentali attraverso una corretta
trattazione statistica, a partire dall'analisi delle esperienze di Meccanica e Termodinamica, fino ad arrivare a quelle relative alla fisica nucleare e alla struttura della materia;
* dimestichezza con la modellizzazione della realta' fisica.
Strumenti didattici di verifica: discussione e valutazione in sede di esame di relazioni scritte sulle esercitazioni compiute, preparate individualmente o in piccoli gruppi; valutazione della prova finale

Autonomia di giudizio: 

* nel valutare l'efficacia di soluzioni diverse a un problema
quantitativo e la validita' di argomentazioni scientifiche sulla base
dei dati sperimentali e del rigore matematico, come ad esempio nell'analisi critica dei risultati delle esperienze di laboratorio
* consapevolezza del ruolo dello scienziato nel mondo contemporaneo, anche attraverso la partecipazione alle attivita' di orientamento e di divulgazione della cultura scientifica gestite dal corso di laurea.
Strumenti didattici di verifica: discussione e valutazione in sede di esame di relazioni scritte sulle esercitazioni compiute, preparate individualmente o in piccoli gruppi; valutazione della prova finale.
Strumenti di verifica: discussione in sede di esame, interazione coi docenti durante la prova finale.

Abilità comunicative: 

comprensione di un testo scientifico in inglese e
utilizzo di una lingua straniera per lo scambio di informazioni
generali e tecniche;
* organizzazione di brevi presentazioni del proprio lavoro,
con l'ausilio di strumenti per la comunicazione e la gestione
dell'informazione, in particolare nella presentazione dell'eventuale lavoro di stage e nella presentazione del lavoro connesso alla prova finale;
* abitudine al lavoro di gruppo, richiesto fin dai laboratori del I anno, e ad argomentare le proprie decisioni attraverso prove di esame in cui sia richiesto di giustificare le scelte e le affermazioni fatte.
Strumenti di verifica: la qualità e l'efficacia comunicativa concorrono alla valutazione complessiva per i singoli corsi e per la prova finale.

Capacità di apprendimento: 

adeguata ad affrontare nuovi argomenti attraverso un impegno autonomo
ed ad intraprendere lo studio avanzato dei vari settori della fisica, stimolata anche dall'utilizzo di manuali di laboratorio e/o articoli scientifici nel corso del III anno, verificata nei corsi più avanzati e nella preparazione della prova finale.

Ambiti occupazionali e accesso ad ulteriori studi

La qualifica dà accesso a: LM, M1.

Il corso di Laurea è finalizzato, anche in base alle richieste del mondo del lavoro, espresse all'interno del comitato di indirizzo, alla formazione di una figura di base, caratterizzata da una buona formazione matematica e da una solida formazione nella fisica classica, nelle tecniche di laboratorio, nelle basi della fisica quantistica. Costituisce pertanto una figura in grado di assolvere compiti di responsabilità ed in autonomia in alcuni campi più prettamente tecnici.

I laureati in Fisica potranno svolgere attivita' professionali sia in settori caratterizzati da applicazioni tecnologiche delle metodologie fisiche sia in tutti gli ambiti che prevedano l'applicazione del metodo scientifico allo studio ed alla risoluzione di svariati problemi.

In particolare potranno trovare sbocchi professionali nell'industria, principalmente elettronica, meccanica, informatica, acustica; potranno inoltre essere impiegati nella gestione e classificazione di grandi masse di dati, nella messa a punto di sistemi di software e di acquisizione dati, nella gestione di strumenti di laboratorio.

Prova finale

Titolo rilasciato: 

LAUREA DI PRIMO LIVELLO IN FISICA / LA QUALIFICA ACCADEMICA ASSOCIATA AL TITOLO E’ QUELLA DI “ DOTTORE”

Caratteristiche della prova finale: 

La prova finale consiste nella presentazione dell_attività individuale svolta sotto la guida di un relatore in un settore scientifico-disciplinare scelto dallo studente in coerenza con gli obiettivi formativi generali e specifici del corso nella classe L30.
L_attività può svolgersi anche al di fuori dell_Università, presso laboratori di ricerca pubblici o privati con cui il docente abbia rapporti di collaborazione.
Alla prova finale sono attribuiti 6 cfu, pari a circa 150 ore di lavoro, comprendenti lo studio del problema, il lavoro sperimentale di presa ed analisi dati o di sviluppo teorico della tematica e la stesura dell_elaborato scritto con tecniche multimediali che sara' poi discusso in seduta pubblica, davanti ad una commissione appositamente costituita.

Questa pagina è stata visitata 5 587 volte nell'ultimo anno. Fonte: Google Analytics.