SCIENZE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE E SPORTIVE

Scheda del corso
Anno Accademico di immatricolazione: 
2019/2020
Codice del corso di studio: 
091701
Tipo di corso: 
Laurea
Classe di laurea: 
L-22 - Classe delle lauree in Scienze delle attivita' motorie e sportive
Dipartimento di afferenza: 
SCIENZE DELLA VITA E BIOLOGIA DEI SISTEMI
Durata in anni: 
3
Crediti: 
180
Sede didattica: 
CUNEO, ASTI, TORINO
Lingua: 
Italiano
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso programmato locale

Insegnamenti

Anno di corso: Attività formative non assegnate a un anno di corso

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Ammissione e iscrizione

Requisiti di accesso (Titoli): 

1 - Titolo di Scuola Superiore
2 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea
3 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea di Primo Livello
4 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea Specialistica
5 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea Magistrale
6 - Titolo di Scuola Superiore e Titolo straniero

Obiettivi formativi

Il Corso di Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive si propone di sviluppare le conoscenze e le competenze di base delle scienze motorie e sportive in modo integrato per i diversi ambiti disciplinari, al fine di costituire le fondamenta indispensabili e trasversali per ogni sviluppo professionale nei più diversi ambiti di intervento e di applicazione. Per quanto riguarda il percorso formativo si specifica che i primi due anni costituiscono una adeguata formazione di base tale da consentire allo studente, nel prosieguo degli studi, di completare la preparazione con le attività di libera scelta, stage, tirocinii, attività integrative. L'integrazione e la sinergia tra ambiti disciplinari diversi risulta essere anche uno specifico suggerimento dell'O.M.S (Organizzazione Mondiale della Sanità, "Global strategy on diet, physical activity and health", Ginevra, 2004) per il mantenimento di buone condizioni di salute e di benessere degli individui. Infatti, proprio un costante esercizio fisico insieme ad una sana ed equilibrata alimentazione rappresentano alcuni dei requisiti di base per il mantenimento di uno stile di vita salutare. In particolare, il Corso di Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive fornirà gli strumenti coerenti col profilo di professionista delle attività motorie e sportive, che opererà nelle strutture pubbliche e private, nelle organizzazioni sportive e dell'associazionismo ricreativo e sociale. I laureati dovranno quindi possedere le conoscenze di base specifiche della classe nei diversi ambiti disciplinari ed essere in grado di applicare tali conoscenze in campo professionale, essendo altresì in grado di trasferirle, laddove ciò sia richiesto, nell’ambito professionale stesso. Sulla base dell’acquisizione di tali competenze i laureati nel corso di laurea delle Attività Motorie e Sportive possono: condurre, gestire e valutare attività motorie individuali e di gruppo a carattere compensativo, adattativo, educativo, ludicoricreativo, e sportivo, finalizzate al mantenimento del benessere psico-fisico mediante la promozione di stili di vita attivi durante tutto il ciclo di vita individuale; possono inoltre gestire e valutare attività di fitness individuali e di gruppo. L’effettuazione dei tirocinii porterà lo studente a sperimentare direttamente in campo operativo-professionale le conoscenze acquisite. In particolare verrà favorito lo svolgimento dei tirocinii nell’ambito di: allenamento, fitness, wellness, attività fisica finalizzata al benessere e agli stili di vita sani, recupero delle abilità, al miglioramento della forma fisica, alle attività ludiche ed all’educazione motoria. Gli studenti saranno seguiti da tutor qualificati che valuteranno puntualmente l’effettivo raggiungimento degli obiettivi. Tirocinii e stage sono previsti per un totale di 18 CFU, ma non sono questi da considerare come il totale dell'attività pratica prevista dal corso. Bisogna infatti sottolineare come diversi corsi integrati, previsti dal piano di studi nell’ambito disciplinare proprio della classe (discipline motorie e sportive), prevedono attività svolte in piccoli gruppi di studenti e in forma pratica all’interno delle strutture sportive proprie della Scuola. Ne deriva che il peso complessivo delle attività “pratiche” è ben superiore ai 25 CFU previsti.

Competenze attese

Conoscenza e capacità di comprensione: 

Alla fine del corso i laureati avranno una solida ed aggiornata conoscenza di base ed una buona capacità di comprensione e valutazione delle scienze e tecniche motorie e sportive e degli altri ambiti disciplinari strettamente connessi alle prime. Inoltre, essi avranno sviluppato una buona capacità di comprensione e valutazione degli esercizi fisici proposti e delle differenze potenziali di effetto tenendo conto delle specificità di genere, età, e condizione psico-fisica del praticante anche nelle situazioni di gruppo. In particolare, essi conosceranno le basi biologiche e biomeccaniche del movimento e dell'adattamento prodotto dall'esercizio fisico in funzione del tipo, dell'intensità e della durata dell'esercizio; saranno in grado di utilizzare le principali tecniche motorie e sportive, le metodologie di misurazione e valutazione (ad es. nei termini di efficacia dell'intervento), anche con l'obiettivo di realizzare programmi semplici di recupero della funzionalità, anche posturale, o di potenziamento muscolare. La conoscenza e le capacità di comprensione vengono sviluppate attraverso l'insieme delle materie teoriche e delle attività pratico-formative svolte anche presso enti esterni. La valutazione viene effettuata tramite esami di profitto e relazioni visionate dal tutor assegnato allo studente.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: 

I laureati in Scienze delle attività motorie e sportive devono essere in grado di applicare le conoscenze e la capacità di comprensione di base delle scienze motorie e sportive descritte ai punti precedenti all'interno della loro attività professionale, prestando la loro opera nelle strutture pubbliche e private e nelle organizzazioni sportive e dell'associazionismo ricreativo e sociale. Essi devono essere in grado di utilizzare i loro strumenti culturali, metodologici e teorico-pratici nell'attività di gestione e valutazione di attività motorie individuali e di gruppo a carattere compensativo, adattativo, educativo, ludico-ricreativo e sportivo, ivi comprese quelle destinate ai soggetti diversamente abili. Le attività di cui sopra sono finalizzate al mantenimento del benessere psico-fisico degli individui e dei gruppi (durante tutto il ciclo di vita ed indipendentemente dal genere, dall'età e dalla condizione psico-fisica e sociale di partenza). Inoltre essi devono essere in grado di utilizzare questi strumenti nella conduzione, gestione e valutazione di attività di fitness, individuali e di gruppo. Infine essi devono essere in grado di trasmettere alle persone a loro affidate, oltre che conoscenze tecniche, valori etici e motivazioni adeguate per promuovere uno stile di vita attivo e una pratica dello sport leale e esente dall'uso di pratiche e sostanze potenzialmente nocive alla salute. Tali capacità di applicare conoscenza e comprensione saranno sviluppate anche attraverso la partecipazione a tirocini ed altre attività pratiche, condotte in strutture adeguate per dimensioni e caratteristiche tecniche all’attività prevista e al numero degli studenti. La verifica delle abilità e delle conoscenze acquisite sarà ottenuta dal superamento degli esami previsti nel piano di studi.

Autonomia di giudizio: 

Il laureato in Scienze delle attività motorie e sportive deve essere in grado di integrare conoscenze e competenze appartenenti a più di un ambito disciplinare, utilizzandole in modo critico anche per la valutazione dei potenziali effetti della partecipazione ad attività fisiche in relazione alle caratteristiche ed alle condizioni dell'individuo e del contesto. In particolare deve acquisire le capacità e le competenze di somministrare, leggere e decodificare interventi di scienze motorie a carattere compensativo, adattativo, educativo, ludico-ricreativo e sportivo adeguati allo specifico settore di applicazione. Inoltre, deve essere capace di muoversi all'interno delle norme deontologiche, etiche e giuridiche, che regolano i rapporti con l'utenza e la committenza. L'acquisizione di tale autonomia di giudizio avverrà sia nell'ambito di corsi teorici, sia delle attività pratiche e/o di esercitazione e/o di tirocinio svolte in parallelo alle prime, mediante la soluzione di casi pratici in forma individuale o di gruppo anche con l’utilizzo di tecniche di “problem solving”.

Abilità comunicative: 

Il laureato in Scienze delle attività motorie e sportive deve saper agire, muoversi e comunicare efficacemente sia con altre figure professionali che operano negli stessi settori e/o all'interno di equipè multidisciplinari (anche in una prospettiva multiculturale e internazionale) e con i quali dovrà svolgere la sua attività lavorativa, sia con un'utenza potenzialmente estremamente diversificata per condizione psico-fisico e sociali, e abilità e motivazione di partenza. Infine, dovrà dimostrare l'acquisizione di tali capacità di comunicazione, in diversi contesti di tipo professionale e relazionale. Tali capacità saranno sia sviluppate che valutate durante lo svolgimento di attività teoriche-pratiche, di esercitazione e/o tirocinio, ed in occasione della prova finale. Ulteriori forme di valutazione delle suddette attività sono previste in modalità di presentazione diretta di studi dei casi prodotti individualmente dallo studente.

Capacità di apprendimento: 

Il laureato deve avere acquisito conoscenza e padronanza delle teorie e delle tecniche fondamentali delle scienze motorie e sportive, sia in funzione di un eventuale inserimento diretto nel mondo del lavoro, sia nella prospettiva del proseguimento degli studi nelle lauree magistrali. Il laureato deve dimostrare di saper apprendere dall'esperienza maturata e di saper modificare, aggiornare e arricchire le sue competenze professionali, anche per proseguire la sua formazione in una delle lauree magistrali e/o nella formazione degli insegnanti di educazione fisica nelle scuole secondarie di primo e secondo grado. L'acquisizione di tali competenze si associa alla capacità di utilizzare in modo appropriato sia gli strumenti di informazione e formazione (quali il ricorso a banche date o l'utilizzo di particolari software applicativi) sia agli strumenti propri di un professionista nel settore delle attività motorie e sportive (quali l'introduzione di uno specifico esercizio fisico e la valutazione della sua efficacia). La valutazione di tali capacità avrà luogo durante tutto il ciclo di studi, attraverso il superamento degli esami di profitto e durante lo svolgimento dei tirocini e delle esercitazioni e della prova finale.

Ambiti occupazionali e accesso ad ulteriori studi

La qualifica dà accesso a: LM, M1.

Il corso di laurea prepara a svolgere attività professionali in qualità di professionista delle attività motorie e sportive, nelle strutture pubbliche e private, nelle organizzazioni sportive e dell'associazionismo ricreativo e sociale, con particolare riferimento alla conduzione, gestione e valutazione di attività motorie individuali e di gruppo a carattere compensativo, adattativo, educativo, ludicoricreativo, sportivo finalizzate al mantenimento del benessere psico-fisico mediante la promozione di stili di vita attivi durante tutto il ciclo di vita individuale ed alla conduzione, gestione e valutazione di attività del fitness individuali e di gruppo. Inoltre, in attesa di una normativa che disciplini le professioni nel settore delle scienze motorie e sportive, il corso di laurea pone le basi per: - accedere alle lauree di 2° livello della classe Scienze Motorie e Sportive - formare i professionisti che potranno operare in ambito scolastico per quanto attiene le Scienze Motorie. In particolare si specifica che la voce sottoindicata come "Specialisti nell'educazione e nella formazione di soggetti diversamente abili", è da intendersi limitatamente alle Scienze Motorie e Sportive.

Prova finale

Titolo rilasciato: 

LAUREA DI PRIMO LIVELLO IN SCIENZE DELLE ATTIVITA' MOTORIE E SPORTIVE / LA QUALIFICA ACCADEMICA ASSOCIATA AL TITOLO E’ QUELLA DI “ DOTTORE”

Caratteristiche della prova finale: 

Il corso di laurea si conclude con due possibili tipologie di prova finale. Lo studente potrà scegliere tra una tesi descrittiva compilata sotto la guida di un relatore, ovvero una tesi esperienziale o sperimentale compilata sotto la guida di un relatore e con la presenza di un controrelatore. Le norme applicative sono contenute nell'apposito Regolamento Didattico del corso di laurea.