FISICA

Scheda del corso
Anno Accademico di immatricolazione: 
2019/2020
Codice del corso di studio: 
008510
Tipo di corso: 
Laurea Magistrale
Classe di laurea: 
LM-17 - Classe delle lauree magistrali in Fisica
Dipartimento di afferenza: 
FISICA
Durata in anni: 
2
Crediti: 
120
Sede didattica: 
TORINO
Lingua: 
Italiano
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso libero

Insegnamenti

Ammissione e iscrizione

Requisiti di accesso (Titoli): 

1 - Laurea
2 - Laurea di Primo Livello
3 - Laurea Specialistica
4 - Laurea Magistrale
5 - Titolo straniero
6 - Laurea
7 - Laurea di Primo Livello
8 - Laurea Specialistica

Obiettivi formativi

Il corso di Laurea Magistrale in Fisica si articola in curricula, in riferimento alle competenze specifiche presenti presso la sede. Gli indirizzi attivati sono specificati all'interno del Regolamento didattico.
Obiettivo del corso di Laurea Magistrale è fornire allo studente, a partire da solide conoscenze di base, un'ottima padronanza di tecniche matematiche, numeriche e sperimentali che gli consentano di affrontare percorsi di ricerca scientifica di base e applicativa nonché capacità di progettazione e sviluppo di metodologie fisiche appropriate alle differenti problematiche. Intende inoltre fornire agli studenti conoscenze specifiche atte ad un'approfondita comprensione della fisica sottesa alle moderne tecnologie che sono alla base dell'innovazione scientifico-tecnologica.
I laureati di tutti gli indirizzi potranno svolgere con successo attività professionali in ogni ambito che preveda l'applicazione del metodo scientifico allo studio ed alla risoluzione di problemi.
Le competenze acquisite durante il corso di studi, e soprattutto durante lo svolgimento della tesi, garantiscono l'acquisizione di un'efficace capacità di lavorare per obiettivi con una rapida integrazione in gruppi di lavoro.
La preparazione della tesi di laurea, caratterizzata da attività ad elevato contenuto formativo, costituisce un momento fondamentale del percorso di studi per la possibilità di ampliamento delle conoscenze e di formazione delle competenze. La tesi viene elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore affrontando un argomento di frontiera nel settore corrispondente al curriculum/indirizzo prescelto.
Dati per acquisiti gli obiettivi formativi della Laurea Triennale in Fisica, i diversi indirizzi condividono alcune ulteriori finalità. In accordo con gli obiettivi formativi qualificanti della Classe LM17 e secondo la classificazione adottata nel Quadro europeo dei titoli (Descrittori di Dublino), le competenze specifiche del Laureato Magistrale in Fisica sono elencati nel seguito.

Competenze attese

Conoscenza e capacità di comprensione: 

Conoscenza approfondita della teoria e delle tecniche sperimentali che estendono e/o rafforzano quelle del primo ciclo. Essa deve consentire un lavoro di approfondimento nel campo di ricerca relativo all'indirizzo prescelto e viene acquisita attraverso corsi frontali, laboratori, e la preparazione della tesi di laurea. Lo scopo e' quello di ottenere una approfondita comprensione della fisica alla base dei fenomeni e, a seconda del percorso prescelto, buona familiarità nella costruzione e gestione di apparati sperimentali complessi e padronanza delle tecniche di acquisizione e interpretazione dei dati sperimentali, delle varie metodologie di indagine e degli strumenti matematici ed informatici di supporto.
Strumenti di verifica sono esami orali e/o scritti.

In particolare, ed in relazione all' indirizzo prescelto, lo studente acquisirà:
- una solida conoscenza dei fenomeni di interazione della radiazione con la materia, dei principi alla base del funzionamento dei rivelatori di particelle e dei fondamenti della fisica nucleare e subnucleare. In relazione alle scelte personali il laureato potrà approfondire le conoscenze nella fisica delle alte energie, particelle e nuclei, sviluppare competenze sulle tecniche di analisi dati e sulle strumentazioni di rivelazione di particelle utilizzate alle macchine acceleratrici e/o nell'ambito della fisica cosmica e spaziale, nonché acquisire conoscenze sui sistemi biologici e le loro interazioni con agenti fisici, come le radiazioni ionizzanti e non ionizzanti, e sulle tecnologie di fisica nucleare utilizzate nella terapia e nell'indagine diagnostica in medicina.
- una solida preparazione relativamente ai fondamenti teorici della fisica della materia allo stato solido, fluido e di plasma, dell' elettronica e dell' ottica fisica e competenze nelle relative tecniche sperimentali. In relazione alle scelte personali di approfondimento il laureato acquisirà inoltre conoscenze nella fisica dei materiali avanzati, o nella micro- ed opto-elettronica, e in altri settori della fisica delle tecnologie avanzate; o, ancora, competenze sui fondamenti della fisica applicati ad un sistema fluido rotante e stratificato e sulle problematiche relative alla fisica ambientale, approfondendo le relative metodologie fisiche e fisico-matematiche.
- una conoscenza approfondita della meccanica quantistica, della teoria classica e quantistica dei campi, dei necessari metodi matematici avanzati e di tecniche di calcolo numerico e simbolico. In relazione alle scelte personali di approfondimento il laureato acquisirà conoscenze nel campo della struttura della materia, della meccanica statistica, della fisica nucleare e subnucleare, dell'astrofisica nei suoi vari ambiti.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: 

Nella preparazione di alcuni esami, nei corsi di laboratorio e durante la preparazione della tesi, gli studenti acquisiranno:

Capacità di applicare tecniche sperimentali adeguate per l'indagine dei fenomeni fisici connessi al proprio settore di studio, utilizzando strumentazioni tecnologicamente avanzate, anche in un contesto più ampio;
Capacità di interpretare i dati sperimentali attraverso una corretta trattazione statistica;
Capacità di realizzare modelli della realtà fisica, usando strumenti matematici e informatici avanzati;
Capacità di comprendere e padroneggiare metodi matematici e numerici e sistemi informatici di acquisizione ed analisi dei dati, di sviluppare software a fini di ricerca di base ed applicativa;
Comprensione della sinergia e dialettica fra sviluppi teorici e progressi sperimentali nella formulazione, verifica ed applicazione di modellizzazioni di sistemi fisici;
Capacità di operare con ampia autonomia, anche assumendo responsabilità di progetti e strutture, nel campo della ricerca e dell'innovazione scientifica e tecnologica.

Gli studenti, per la propria formazione, disporranno della possibilità di effettuare attività esterne (quali tirocini formativi o periodi di studio per lo svolgimento della tesi) in laboratori altamente qualificati tradizionalmente disponibili presso strutture di ricerca pubbliche nazionali e internazionali o presso industrie locali, che offrono ottimi sbocchi occupazionali.

Strumenti didattici di verifica: discussione e valutazione in sede di esame di relazioni scritte sulle esercitazioni compiute, redatte individualmente o in piccoli gruppi; valutazione degli elaborati finali svolti sotto la guida di docenti relatori.

Autonomia di giudizio: 

Capacità di valutare l'efficacia di soluzioni alternative ad un problema quantitativo e di argomentare la validità di un'ipotesi sulla base di dati reali e del rigore matematico, stimolata nelle esperienze di laboratorio, nei problemi assegnati nei corsi specialistici e nella preparazione della tesi di laurea.
Capacita' di valutare la rilevanza ed applicabilita' degli sviluppi piu' recenti della ricerca scientifica e della tecnologia, sviluppata anche attraverso lo studio di articoli scientifici.
Consapevolezza della responsabilità dell'opera dello scienziato nella società e dell'importanza della divulgazione della conoscenza e del metodo scientifico partecipando anche alle attivita' di orientamento del Corso di Studi.
Strumenti di verifica: discussione in sede di esame, interazione coi docenti durante il lavoro preparatorio della tesi, discussione dell'elaborato finale.

Abilità comunicative: 

Capacità di comunicare e spiegare ad interlocutori specialisti e non specialisti, in forma efficace, i risultati del proprio lavoro, inserendoli nel loro contesto scientifico e argomentando in maniera chiara le scelte operate, utilizzando strumenti informatici adeguati, acquisita anche mediante la frequenza ai numerosi seminari dipartimentali e le presentazioni del proprio lavoro nell'ambito del progetto di tesi.
Capacita' di lavorare in gruppo sviluppata nei laboratori e, dove possibile, nello svolgimento del progetto di tesi.
Conoscenza di buon livello della lingua inglese parlata e scritta, sviluppata anche partecipando a seminari ed utilizzando la letteratura scientifica.
Strumenti di verifica: la qualità e l'efficacia comunicativa concorrono alla valutazione complessiva per i singoli corsi e per la prova finale.

Capacità di apprendimento: 

Capacità di aggiornarsi in modo autonomo seguendo gli sviluppi della Fisica e della tecnologia moderna e di estendere le proprie conoscenze attraverso il confronto interdisciplinare sviluppata esplorando, per la preparazione degli esami e della tesi, la letteratura scientifica.
Questa autonomia viene stimolata, messa alla prova e verificata nei corsi più avanzati e nella preparazione alla prova finale.

Ambiti occupazionali e accesso ad ulteriori studi

La qualifica dà accesso a: M1, M2, DR, corso di specializzazione.

Il laureato magistrale in Fisica saprà svolgere attività autonome nei diversi campi della fisica di base e/o avanzata (elettronica, fisica nucleare e delle particelle, astrofisica, fisica teorica, meteorologia, fisica ambientale, fisica sanitaria, fisica della materia, applicazioni della fisica a sistemi complessi, biofisica...) applicando tali conoscenze alla soluzione di problemi concreti e per la produzione di beni e servizi. Saprà promuovere e condurre la ricerca scientifica ed insegnare concetti e teorie scientifiche in modo sistematico in modo da preparare gli allievi all'acquisizione di un titolo di studio, alla prosecuzione degli studi ed all'esercizio di attività lavorative.
Sarà in grado di gestire responsabilmente laboratori e curare l'applicazione dei protocolli scientifici nelle attività di ricerca ed applicare le conoscenze esistenti in materia di gestione e di organizzazione dei sistemi sociali e produttivi.

Prova finale

Titolo rilasciato: 

LAUREA DI SECONDO LIVELLO IN FISICA / LA QUALIFICA ACCADEMICA ASSOCIATA AL TITOLO E' QUELLA DI DOTTORE MAGISTRALE

Caratteristiche della prova finale: 

La prova finale di laurea Magistrale consiste nella presentazione orale dell'attività svolta, riportata in modo particolareggiato nella dissertazione scritta (tesi). La discussione avverra' in seduta pubblica davanti ad una commissione appositamente nominata.
La tesi può essere redatta in lingua inglese.
Il progetto di ricerca realizzato nella tesi di laurea deve contenere aspetti di originalita' ed il lavoro deve essere portato avanti dal candidato con impegno personale, pur sotto la guida del relatore. Il carattere di ricerca ed il conseguente impegno richiesto allo studente, esteso su un intervallo temporale indicativamente di 7-10 mesi, giustifica l'elevato numero di CFU attribuiti al lavoro di tesi; non si tratta di un elemento di novita' ma della conferma di una scelta effettuata negli anni passati, che ha riscontrato apprezzamento anche nel mondo del lavoro.
Il Consiglio di corso di Studi regolamenta i criteri per l'attribuzione di un punteggio di merito adeguato alla qualita' del lavoro svolto.