BIOTECNOLOGIE

Scheda del corso
Anno Accademico di immatricolazione: 
2019/2020
Codice del corso di studio: 
056701
Tipo di corso: 
Laurea
Classe di laurea: 
L-2 - Classe delle lauree in Biotecnologie
Dipartimento di afferenza: 
BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E SCIENZE PER LA SALUTE
Durata in anni: 
3
Crediti: 
180
Sede didattica: 
TORINO
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso programmato locale

Insegnamenti

Anno di corso: Attività formative non assegnate a un anno di corso

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Anno di corso: 3

Ammissione e iscrizione

Requisiti di accesso (Titoli): 

1 - Titolo di Scuola Superiore e Titolo straniero
2 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea Magistrale
3 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea
4 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea di Primo Livello
5 - Titolo di Scuola Superiore
6 - Titolo di Scuola Superiore e Laurea Specialistica

Obiettivi formativi

I laureati nei corsi di laurea della classe devono:
possedere una adeguata conoscenza di base dei sistemi biologici, interpretati in chiave
molecolare e cellulare che gli consenta di sviluppare una professionalità operativa.
possedere le basi culturali e sperimentali delle tecniche multidisciplinari che caratterizzano
l'operatività biotecnologica per la produzione di beni e di servizi attraverso l'analisi e l'uso di
sistemi biologici;
possedere le metodiche disciplinari e essere in grado di applicarle in situazioni concrete con
appropriata conoscenza delle normative e delle problematiche deontologiche e bioetiche;
saper utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, l'inglese, od almeno un' altra lingua
dell'Unione Europea, oltre l'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di
informazioni generali;
possedere adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione
dell'informazione;
essere in grado di stendere rapporti tecnico-scientifici;
essere capaci di lavorare in gruppo, di operare con autonomia attività esecutive e di inserirsi
prontamente negli ambienti di lavoro.
I laureati della classe svolgeranno attività professionali in diversi ambiti biotecnologici, quali
l'agro-alimentare, l'ambientale, il farmaceutico, l'industriale, il medico ed il veterinario nonché
in quello della comunicazione scientifica.
Ai fini indicati, i corsi di laurea della classe comprendono in ogni caso attività formative per le
biotecnologie industriali, agro-alimentari, ambientali, farmaceutiche, mediche e veterinarie,
organizzate in un primo periodo comune di un anno che permettano di acquisire;
sufficienti conoscenze di base, di matematica, statistica, informatica, fisica, chimica e biologia,
necessarie per una formazione nel settore delle biotecnologie.
Successivamente le attività formative saranno rivolte ad acquisire le conoscenze essenziali
sulla struttura e funzione dei sistemi biologici in condizioni fisiologiche, patologiche e
simulanti condizioni patologiche conoscendone le logiche molecolari, informazionali e
integrative;
gli strumenti concettuali e tecnico-pratici per un'operatività tendente ad analizzare ed
utilizzare, anche modificandole, cellule o loro componenti per creare figure professionali
capaci di applicare biotecnologie innovative per identificazione caratterizzazione e studio di
strutture, molecole, delle loro proprietà e caratteristiche. La preparazione scientifico-tecnica
sarà integrata con aspetti di regolamentazione, responsabilità e bioetica, economici e di
gestione aziendale, di comunicazione e percezione pubblica.
Queste attività si differenzieranno tra loro nel secondo e terzo anno al fine di perseguire
maggiormente alcuni degli obiettivi indicati rispetto ad altri, oppure di approfondire
particolarmente alcuni settori applicativi, quali l'agro-alimentare, l'industriale, il farmaceutico,
il medico e il veterinario; a tal fine, gli ordinamenti didattici dei corsi di laurea selezioneranno
opportunamente, tra quelli indicati, gli ambiti disciplinari ed relativi settori scientificodisciplinari
delle attività formative caratterizzanti per formare specifiche figure professionali
capaci di operare con una logica strumentale comune nei diversi ambiti.
Particolare attenzione sarà posta alla caratteristiche di innovazione che vedono il settore in un
attivo e rapido sviluppo che richiede un continuo e efficiente aggiornamento, per tenere il
passo con il continuo ed incalzante incremento delle conoscenze scientifiche e delle loro
applicazioni tecnologiche (tecnologie di genomica, genomica funzionale, proteomica,
metabolomica, ecc.) applicate agli organismi viventi.
Occorre prevedere in ogni caso, tra le attività formative nei diversi settori disciplinari:
a) attività di laboratorio per un congruo numero di CFU complessivi per fornire una adeguata
formazione operativa e familiarità con le tecnologie;
b) l'obbligo, in relazione aobiettivi specifici, di svolgere attività come tirocini formativi presso
aziende o laboratori per un congruo numero di CFU, con lo scopo di facilitare l'inserimento nel
mondo del lavoro;
c) la conoscenza della lingua inglese, o di almeno un'altra lingua dell'Unione Europea, il cui
impegno deve corrispondere ad un congruo numero di CFU ;
d) soggiorni presso altre Istituzioni di ricerca italiane ed europee, anche nel quadro di accordi
internazionali.

Il regolamento didattico del corso di studio e l'offerta formativa saranno tali da consentire agli studenti che lo vogliono di seguire percorsi formativi nei quali sia presente un'adeguata quantità di crediti in settori affini e integrativi che non sono già caratterizzanti.
L'obiettivo del Corso di Laurea consiste nel fornire le conoscenze di base ed avanzate dei sistemi biologici e competenze tecnologiche che permettano al laureato di esercitare attività di ricerca e sviluppo nei diversi settori biotecnologici.
Il Corso di Laurea conduce all'acquisizione:
a) dei fondamenti di matematica, statistica, informatica, fisica e chimica utili alla comprensione dei sistemi viventi
b) delle informazioni di base per comprendere i rapporti tra struttura e funzione dei sistemi biologici in procarioti ed eucarioti con particolare attenzione alle integrazioni delle diverse funzioni che caratterizzano la vita;
c) degli strumenti teorico-pratici per progettare ed eseguire operatività sperimentali incluse quelle che prevedono modificazioni genotipiche e fenotipiche dei sistemi cellulari. Tale attività ha lo scopo principale di permettere l'apprendimento di un disegno sperimentale teso anche all'invenzione di prodotti brevettabili o alla produzione di servizi
d) delle conoscenze per utilizzare in modo altamente efficiente le banche dati e i sistemi informatici allo scopo di meglio progettare la sperimentazione biologica
e) delle conoscenze per progettare ed eseguire operatività sperimentali in modo che siano ben integrate con le norme nazionali ed europee vigenti in termini di sicurezza ed etica. Inoltre sono svolte attività atte ad apprendere come la sperimentazione biotecnologica e i suoi prodotti siano un valido supporto alle aziende del settore e concorrano a promuovere lo sviluppo economico.
f) degli strumenti e nozioni per comunicare l'informazione scientifica alle diverse aree come: il mondo della ricerca, l' industria, il pubblico in generale e la scuola.
Il percorso formativo, attraverso i corsi specifici caratterizzati da lezioni frontali e da esercitazioni pratiche, fornisce allo studente tutti gli strumenti per raggiungere gli obiettivi sopra esposti. Sono previsti tirocini per un più efficace inserimento nel mondo del lavoro. E’ prevista inoltre l’erogazione degli insegnamenti obbligatori del terzo anno in lingua Inglese, al fine di agevolare la frequenza di corsi di laurea Magistrale in lingua Inglese, sia in Italia che in altri Paesi Comunitari ed Extracomunitari. La verifica delle conoscenze sarà accertata mediante le prove che lo studente deve superare per acquisire i crediti relativi.

Competenze attese

Conoscenza e capacità di comprensione: 

Il laureato di I livello acquisisce nel Corso di Studio un bagaglio di conoscenze indispensabile per affrontare il mondo della ricerca e del lavoro con un ruolo esecutivo. Nella preparazione dello studente viene posta particolare cura nello stimolarlo ad applicare le proprie conoscenze per affrontare l'approccio sperimentale. Alla fine del Corso, lo studente avrà acquisito conoscenze approfondite sui meccanismi integrati che regolano lo sviluppo e la differenziazione dei sistemi viventi necessari per un proficuo inserimento nel mondo del lavoro e per il suo continuo aggiornamento autonomo.

La verifica in itinere del raggiungimento di queste competenze è fatta attraverso esercitazioni teorico-pratiche. Le conoscenze acquisite dallo studente saranno valutate tramite esami che terranno in considerazione anche la capacità propositiva ed innovativa nei campi dell'applicazione della ricerca.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: 

Il Corso di Laurea, caratterizzato da ampio spazio dedicato alle attività pratiche oltre che teoriche, consentirà di formare laureati che, attraverso l'utilizzo di procedure metodologiche e strumenti consolidati e di avanguardia nell'ambito delle biotecnologie, saranno in grado di disegnare e pianificare esperimenti atti ad ottenere conoscenze o prodotti utili a creare beni di servizio o oggetti brevettuali nei seguenti ambiti propri delle biotecnologie come, per esempio: proteine ricombinanti, analisi dei genomi, costruzione ed analisi di modelli di patologie.

La verifica dell'acquisizione delle competenze tecniche sperimentali nelle biotecnologie avverrà, per ciascuna attività formativa, con prove pratiche ed interpretazione dei dati sperimentali.

La verifica dei medesimi sarà effettuata con il costante monitoraggio da parte dei docenti dei risultati ottenuti nelle singole prove.

Autonomia di giudizio: 

Il corso di laurea è caratterizzato dalla presenza di attività che gradualmente porteranno il laureato a formarsi un giudizio critico ed autonomo. In particolare tale capacità di giudizio autonomo sarà maggiormente rivolta verso l'analisi e l'interpretazione dei dati sperimentali propri e della letteratura nonché verso il comportamento nei confronti delle normative vigenti e dell'etica sperimentale. Ciò sarà raggiunto sia attraverso l'esecuzione diretta di esperimenti fatta in presenza di docenti, sia attraverso la descrizione e lo studio di casi sperimentali specifici, la lettura di articoli scientifici o le attività seminariali. La sensibilità e la consapevolezza nei confronti della sicurezza, dei problemi etici saranno acquisiti attraverso insegnamenti comuni e curriculari. Tutte le attività sopra citate sono soggette a valutazione personale degli studenti nel quadro delle prove di esami.

Abilità comunicative: 

Ai fini di una positiva integrazione professionale e culturale, il laureato in Biotecnologie deve possedere:
Capacità di lavorare in gruppo, anche integrandosi con altre professionalità
Capacità di assumere responsabilità gestionali e sostenere con chiarezza e convinzione le soluzioni adottate
Capacità di redigere relazioni tecnico scientifiche allo scopo di illustrare risultati ad un pubblico generico e/o specialistico
Capacità di trasferire a persone non specializzate i concetti propri delle biotecnologie
Le abilità comunicative sono coltivate sollecitando gli allievi a presentare oralmente, per iscritto e con l'uso di strumenti elettronici propri elaborati individuali. La verifica dell'abilità comunicativa verrà fatta in sede di prova finale con la discussione pubblica della tesi.

Capacità di apprendimento: 

Il percorso formativo permette una solida preparazione di base in tutte le discipline specifiche e propedeutiche delle biotecnologie. In particolare le prime avranno la continua verifica dell'apprendimento attraverso la sperimentazione pratica. Tale caratteristica permetterà ai laureati di proseguire la propria formazione in settori specifici, ma permetterà anche di reindirizzare eventualmente i propri interessi. Inoltre, le attività formative specifiche soggette a valutazione rafforzeranno ulterirormente l'acquisizione di capacità autonome di apprendimento attraverso la ricerca di informazioni con gli strumenti elettronici disponibili.

Prova finale

Titolo rilasciato: 

LAUREA DI PRIMO LIVELLO IN BIOTECNOLOGIE / LA QUALIFICA ACCADEMICA ASSOCIATA AL TITOLO E’ QUELLA DI “ DOTTORE”

Caratteristiche della prova finale: 

La prova finale consiste nella stesura e nella discussione di un elaborato che misura la preparazione di base e le competenze professionali dello studente, la sua capacità critica ed organizzativa.
Il lavoro di tesi (per cui sono previsti 5 CFU) viene valutato dalla commissione in funzione della chiarezza con cui sono esplicitati gli obiettivi, la metodologia per raggiungerli, lo stato dell'arte dell'argomento, gli esperimenti che si ritengono importanti e dalle conclusioni si potrà evincere la capacità di giudizio, critica e comunicativa dello studente.