SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Scheda del corso
Anno Accademico di immatricolazione: 
2019/2020
Codice del corso di studio: 
071505
Tipo di corso: 
Laurea Magistrale
Classe di laurea: 
LM/SNT2 - Classe delle lauree magistrali in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie
Dipartimento di afferenza: 
SCIENZE CLINICHE E BIOLOGICHE
Durata in anni: 
2
Crediti: 
120
Sede didattica: 
ORBASSANO
Lingua: 
Italiano
Tipo di accesso: 
Corso ad accesso programmato nazionale

Insegnamenti

Anno di corso: 1

Anno di corso: 2

Ammissione e iscrizione

Requisiti di accesso (Titoli): 

1 - Laurea
2 - Laurea di Primo Livello
3 - Laurea Specialistica
4 - Laurea Magistrale
5 - Titolo straniero
6 - Titolo sanitario generico ente ospedaliero o affine
7 - Diploma Universitario
8 - Laurea di Primo Livello
9 - Laurea
10 - Laurea Specialistica
11 - Laurea Magistrale

Obiettivi formativi

I laureati magistrali al termine del percorso dovranno possedere una formazione culturale e professionale avanzata per intervenire con elevate competenze nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca negli ambiti pertinenti alle diverse professioni sanitarie comprese nella classe (podologo, fisioterapista, logopedista, ortottista - assistente di oftalmologia, terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, tecnico della riabilitazione psichiatrica, terapista occupazionale, educatore professionale).
La Laurea Magistrale in Scienze della Riabilitazione si propone di:
-sviluppare competenze specifiche relativamente alle aree di ricerca, formazione e management;
-promuovere un approccio integrato ai diversi aspetti formativi, organizzitivi e gestionali delle professioni sanitarie;
-fornire i modelli concettuali e metodologici con specifico riferimento ai diversi contesti della riabilitazione.

Il laureato magistrale deve conseguire i seguenti obiettivi:
-conoscere le tecnicheriabilitative e saperle applicare ai percorsi diagnostici terapeutici;
-utilizzare le conoscenze in ambito umanistico e pedagogico per un'efficacie comunicazione e relazione con l'Altro;
-conoscere e utilizzare le norme legislative che regolano l'organizzazione sanitaria, nonché le norme deomtologiche e di responsabilità professionale.

Il percorso è così articolato:
Primo anno: approfondire le conoscenze biomediche e cliniche, i principi del diritto pubblico e amministrativo, le conoscenze delle discipline umanistiche e pedagogiche e consolidare le competenze relazionali e comunicative.
Secondo anno: applicare in un contesto di ricerca i principi dell'analisi e delle tecniche di organizzazione aziendale e di gestione delle risorse; elaborare progetti interdisciplinari e multiprofessionali di recupero e riabilitazione rivolti sia al singolo che a gruppi di persone; sviluppare un approccio etico e integrato quale risposta ai bisogni di salute di tipo assistenziale, riabilitativo, educativo e preventivo.

Lo studente sarà impegnato sia al primo che al secondo anno in un percorso individuale di tirocinio che si realizzerà nell'ambito delle aree di ricerca, di formazione e di management, i cui obiettivi prevedono l'assunzione progressiva di responsabilità e autonomia professionale nelle diverse aree e una stretta integrazione con i contenuti teorici e le specifiche competenze relative alle diverse figure professionali.

Competenze attese

Conoscenza e capacità di comprensione: 

Il laureato magistrale avrà acquisito conoscenze in merito all'analisi economica, agli elementi essenziali dell'organizzazione aziendale, al diritto pubblico e amministrativo, alla gestione delle risorse umane e alle capacità di comunicazione, con particolare attenzione all'ambito dei servizi sanitari.
Il laureato avrà inoltre acquisito le conoscenze necessarie relative ai metodi e agli strumenti di ricerca. Il laureato conosce gli elementi metodologici essenziali dell'epidemiologia, della statistica e della ricerca bibliografica.
Gli strumenti di valutazione utilizzati per accertare il conseguimento dei risultati attesi sono esami scritti e esami orali, prove in itinere, report, project work, prova finale, tutorato.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione: 

Il laureato utilizza le conoscenze acquisite per progettare e erogare interventi riabilitativi efficaci, sicuri e basati sulle evidenze. In particolare, il laureato saprà integrare e applicare le conoscenze etiche, legali e di management nell'ambito dell'organizzazione del sistema sanitario di riferimento, pianificare e organizzare interventi padagogico-educativo, progettare e realizzare interventi formativi per l'aggiornamento, la formazione e la formazione permanente nell'ambito delle strutture sanitarie. Infine, il laureato sarà in grado di utilizzare i risultati delle attività di ricerca in funzione del miglioramento continuo della qualità dell'assistenza.
Gli strumenti di valutazione utilizzati per accertare il conseguimento dei risultati attesi sono esami scritti e esami orali, prove in itinere, report, project work, prova finale, tutorato, simulazioni, elaborazione e realizzazione progetti riabilitativi e formativi.

Autonomia di giudizio: 

I laureati magistrali integrano le conoscenze e gestiscono la complessità, in particolare:
- raccolgono, interpretano e applicano i dati ritenuti utili a determinare riflessioni e valutazioni personali anche relativamente a temi scientifici, etici e sociali ad essi connessi;
- dimostrano capacità di analisi critica, di valutazione e di sintesi relativamente ad approcci ed idee innovative e complesse;
- organizzano l'assistenza e la riabilitazione attraverso l'utilizzo appropriato delle risorse a disposizione assicurando l'unitarietà, la continuità e la qualità degli interventi;
- analizzano e affrontano i problemi di propria competenza considerandone la complessità e riflettono sulle responsabilità professionali, sociali ed etiche collegate all'applicazione delle loro conoscenze.

Metodologie e attività formative, strumenti didattici per sviluppare i risultati attesi:
lezioni formali;
apprendimento basato sui problemi;
lettura guidata;
discussione di casi;
esercitazioni con giochi di ruolo;
video, immagini, schemi e materiali, grafici.
Gli strumenti di valutazione utilizzati per accertare il conseguimento dei risultati attesi sono esami scritti e esami orali, prove in itinere, report, project work, prova finale, tutorato, elaborazione e realizzazione progetti riabilitativi e formativi, prove e discussione di casi.

Abilità comunicative: 

I laureati magistrali esprimono abilità comunicative, in particolare:
- sanno comunicare con efficacia informazioni, problemi, riflessioni e strategie di risoluzione;
- comunicano in modo chiaro le proprie conclusioni, le conoscenze e i modelli di riferimento;
- stabiliscono e mantengono relazioni efficaci con la persona assistita, con la sua famiglia e il contesto di riferimento adottando atteggiamenti che favoriscono la relazione stessa;
- dimostrano abilità comunicative efficaci con utenti diversi per cultura e stili di vita;
- riconoscono le caratteristiche di un rapporto di fiducia e le applicano nella relazione professionale;
- condividono gli obiettivi del percorso di cura con tutte le figure coinvolte (il paziente, la famiglia, il gruppo di lavoro, gli altri servizi sanitari e socio-assistenziali, le risorse presenti nel territorio di riferimento);
- si attivano per ridurre eventuali barriere fisiche, psichiche o relazionali;
- promuovono interventi e programmi finalizzati alla prevenzione e alla promozione ed educazione alla salute.

Metodologie e attività formative, strumenti didattici per sviluppare i risultati attesi:
lezioni formali;
lettura guidata;
simulazioni e giochi di ruolo;
video, film, immagini.
Gli strumenti di valutazione utilizzati per accertare il conseguimento dei risultati attesi sono esami scritti e esami orali, prove in itinere, report, project work, prova finale, tutorato, simulazioni, elaborazione e realizzazione progetti riabilitativi e formativi.

Capacità di apprendimento: 

I laureati magistrali devono saper riflettere sulle proprie esperienze e incrementare le proprie competenze sviluppando un alto grado di autonomia, in particolare:
- promuovono sia in contesti professionali che accademici il progresso e le conoscenze scientifiche, culturali, sociali e tecnologiche;
- sviluppano le capacità di apprendimento necessarie per l'autoapprendimento, la ricerca e le sue applicazioni, la formazione continua;
- curano l'aggiornamento personale e della professionalità dei laureati, assicurando la continua crescita tecnica e scientifica, nonché il mantenimento di un elevato livello di motivazione personale;
- dimostrano capacità di studio, di analisi e di rielaborazione e utilizzano metodi di ricerca efficaci e pertinenti.

Metodologie e attività formative, strumenti didattici per sviluppare i risultati attesi:
apprendimento basato sui problemi;
lettura guidata;
laboratori di metodologia della ricerca bibliografica;
piani di autoapprendimento.
Gli strumenti di valutazione utilizzati per accertare il conseguimento dei risultati attesi sono esami scritti e esami orali, prove in itinere, report, project work, prova finale, elaborazione e realizzazione progetti riabilitativi e formativi, attivittà a scelta dello studente, seminari.

Prova finale

Titolo rilasciato: 

LAUREA DI SECONDO LIVELLO IN SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE / LA QUALIFICA ACCADEMICA ASSOCIATA AL TITOLO E’ QUELLA DI “DOTTORE MAGISTRALE”

Caratteristiche della prova finale: 

Per conseguire la laurea magistrale lo studente deve aver acquisito 120 CFU. La prova finale del Corso di Laurea Magistrale consiste nella stesura di una tesi elaborata in modo originale con la supervisione di un relatore, le cui caratteristiche sono determinate dal regolamento del Corso di Laurea Magistrale.