sezioni

Servizio Civile Nazionale

Cos’è il SCN
Logo Servizio Civile Volontario

Il Servizio Civile Nazionale è stato istituito con la legge 64/2001 per coinvolgere ragazzi e ragazze in attività e progetti nei seguenti settori: 

  • ambiente
  • assistenza
  • educazione e promozione culturale
  • patrimonio artistico e culturale
  • protezione civile
  • servizio civile all'estero.

L'iniziativa propone servizi e progetti ispirati ai principi della solidarietà, della partecipazione, dell’inclusione e dell’utilità sociale, favorendo anche il potenziamento dell’occupazione giovanile.

 

Nel bando nazionale sono inseriti 5.408 progetti che si realizzeranno tra il 2018 e il 2019 su tutto il territorio nazionale e all’estero. Tutte le informazioni si trovano sul sito del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale.

Le informazioni riportate in questa pagina si riferiscono in particolare ai bandi regionali, poiché i 2 progetti che l'Università ha presentato appartengono al Bando Regione Piemonte.

Tutte le informazioni sui bandi delle altre regioni sono disponibili sul sito del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale.

Chi può partecipare

Possono partecipare ragazze e ragazzi che alla data di presentazione della domanda abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) e siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadini/e italiani
  • cittadini/e degli altri Paesi dell’Unione Europea
  • cittadini/e non comunitari regolarmente soggiornanti
  • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici, o di criminalità organizzata

Coloro che hanno già terminato lo svolgimento del servizio civile nell’ambito del programma Garanzia Giovani possono ripresentare domanda per il presente bando.

 

Non possono partecipare ragazzi/e che si trovino nelle seguenti condizioni:

  • gli/le appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia
  • coloro che prestano o che abbiano già prestato servizio civile in qualità di volontari/ie ai sensi della legge n. 64 del 2001, o che abbiano interrotto il servizio prima del termine, nonché coloro che alla data di pubblicazione del presente bando siano impegnati nella realizzazione di progetti di servizio civile nazionale per l’attuazione del programma europeo Garanzia Giovani e per l’attuazione del progetto sperimentale europeo IV04ALL
  • abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a 3 mesi
    ATTENZIONE: all’interno dell’Università lo svolgimento delle 200h è considerata collaborazione retribuita ed è incompatibile con la presentazione della domanda di Servizio Civile per i progetti dell’Ateneo.

Ulteriori requisiti previsti dai progetti

Per i progetti dell’Università di Torino possono presentare domanda solo ragazzi/e in possesso del diploma di scuola superiore.

Altri progetti possono prevedere altre tipologie di requisiti quali ad esempio il possesso della patente di guida.

Quanto impegna

Il Servizio Civile Nazionale ha una durata di 12 mesi continuativi, a partire dalla data di inizio del progetto (di solito 2 – 3 mesi dopo la presentazione della domanda).

L'impegno orario varia da progetto a progetto:

  • si può prestare servizio per un totale di 30 ore settimanali articolate su 5 o 6 giorni
  • oppure l’attività può essere organizzata su 1400 ore annue (questo significa che ci saranno periodi in cui l’impegno giornaliero richiesto è maggiore ed altri in cui si sarà impegnati meno ore).

Durante l’anno di servizio civile si ha diritto a:

  • 20 giorni di permesso complessivi (comprendenti anche le assenze per sostenere esami universitari o visite mediche)
  • 15 giorni di malattia retribuiti (solo se certificati dal medico di base, no medici specialistici)
  • ulteriori 15 giorni di malattia non retribuiti (sempre certificati dal medico di base).

Chi supera il numero di giorni di permesso o i 30 giorni di malattia decade automaticamente dal servizio.

Come partecipare
Si può presentare la domanda di partecipazione per un solo progetto, quindi il primo passo è scegliere dall’elenco disponibile nel bando (Allegato n. 1) quello a cui si intende partecipare.
 
 
Nella sezione Allegati, disponibile al fondo della pagina dedicata al Bando sul sito del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, è possibile scaricare i documenti da inoltrare:
 
  1. domanda di ammissione (Allegato n. 3)
  2. dichiarazione dei titoli posseduti (Allegato n. 4) o in alternativa un CV reso sotto forma di autocertificazione ai sensi del DPR 445/2000 debitamente firmato
  3. informativa sulla privacy (Allegato n. 5) debitamente firmata
  4. copia di un documento di identità in corso di validità e del codice fiscale.
     
 
La domanda di partecipazione alla selezione e la relativa documentazione vanno presentati all'ente/associazione che realizza il progetto scelto, in uno dei seguenti modi:
  • tramite posta elettronica certificata (PEC) di cui è titolare l’interessato/a, avendo cura di allegare i moduli e i documenti in formato pdf (ATTENZIONE: non può essere utilizzato l’indirizzo PEC di un familiare o un conoscente) 
  • tramite raccomandata A/R
  • di persona.

 

 

Quando e dove presentare la domanda
La presentazione delle domande è scaduta venerdì 28 settembre 2018. Sono in corso le procedure di valutazione dei titoli relativi alle domande pervenute.
 

Per ulteriori informazioni: (+39) 011 670 4862/4795 -  email: servizio.civile@unito.it.

La procedura di selezione
Alla scadenza del termine per la presentazione delle domande l’ente/associazione che ha promosso il progetto:
 
  1. verifica la correttezza e la completezza della documentazione presentata
  2. verifica che i/le giovani siano in possesso dei requisiti richiesti (età, titolo di studio, ecc.)
  3. procede alla valutazione dei titoli
  4. pubblica sul proprio sito il calendario dei colloqui di selezione: il calendario ha valore di convocazione.
 
 
Dopo i colloqui l’ente/associazione predispone la graduatoria e la invia al Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile per la sua approvazione.
Successivamente la graduatoria sarà pubblicata sul sito dell'ente/associazione. Per i progetti dell’Università di Torino la graduatoria sarà disponibile in questa pagina del portale di Ateneo.
Il rimborso spese
Ai/alle volontari/e spetta un rimborso di 433.80 euro netti al mese, che viene erogato direttamente dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile e non dall'ente/associazione che promuove il progetto.
 
Alcuni progetti possono prevedere la possibilità di usufruire del vitto e/o dell’alloggio: queste informazioni sono riportate all’interno della scheda progetto.
I progetti dell’Università di Torino
Progetto: "VIVERE L’INCLUSIONE: UNITO per gli studenti e le studentesse con disabilità e con DSA"

Posti disponibili: 4

Sede di servizio: Università degli Studi di Torino – Ufficio studenti disabili e DSA - Via Po, 31 – III piano – 10124 Torino

Progetto: "RI-USCIRE: la formazione universitaria in carcere"

Posti disponibili: 2

Sede di servizio: Università degli Studi di Torino - Servizio Civile - Via Po, 31 – I piano – 10124 Torino

Incontro informativo

Martedì 18 settembre 2018, dalle 14.00 alle 17.00, nell'aula B3 del Campus Luigi Einaudi (Lungo Dora Siena, 100/A), si è svolto un incontro informativo durante il quale l'Ateneo e il TESC - Tavolo Enti di Servizio Civile hanno presentato i progetti degli enti del territorio piemontese e le modalità per presentare le candidature.

Questa pagina è stata visitata 9 708 volte nell'ultimo anno. Fonte: Google Analytics.