sezioni

Progetti Marco Polo e Turandot per i cittadini cinesi

Partecipare al Progetto Marco Polo

Cos’è il progetto Marco Polo

Il progetto Marco Polo dà la possibilità agli studenti cinesi che non conoscono la lingua italiana di ottenere il visto di ingresso in Italia per l’iscrizione ad un’università (nei corsi di studio che hanno riservato un contingente per gli studenti Marco Polo) a condizione che frequentino preventivamente un corso di lingua italiana della durata di 10 o 11 mesi offerto da alcune università italiane e centri linguistici che partecipano al progetto.

Alla fine del corso, gli studenti che ottengono la certificazione di livello B1 o superiore possiedono il requisito linguistico per iscriversi all’Università prescelta.

 

Come e quando iscriversi

I candidati interessati all’iscrizione ai corsi di lingua italiana della durata di 10 mesi dovranno presentare domanda di pre-iscrizione presso la Rappresentanza diplomatico-consolare italiana nella Repubblica Popolare Cinese entro il 27 agosto 2018.

Nella domanda di pre-iscrizione, i candidati dovranno specificare sia l’Università prescelta per l’immatricolazione al corso di studi, sia la sede a cui sono interessati per la frequenza del corso di lingua italiana.

documenti necessari per l’iscrizione ai corsi di laurea o di laurea magistrale sono gli stessi previsti per gli altri candidati di cittadinanza non europea residenti all’estero. Agli studenti non laureati verrà rilasciata la dichiarazione di valore soltanto se in possesso di un punteggio di esame “Gao Kao” di almeno 400/750.

 

Il modulo d’iscrizione assieme a tutti i documenti richiesti deve pervenire entro il 21 settembre 2018.

Apply@UniTO

L’immatricolazione ai corsi di laurea magistrale è soggetta alla valutazione positiva dei requisiti curriculari specifici per ogni corso di studio. Si consiglia a tutti gli studenti del progetto Marco Polo interessati ad iscriversi ad un corso di laurea magistrale presso il nostro Ateneo di compilare l'application on line (disponibile a partire da febbraio 2018) per una valutazione preventiva della propria candidatura. L’offerta formativa di Ateneo viene definita annualmente, non è pertanto possibile conoscere in anticipo eventuali cambiamenti nei requisiti curriculari rispetto all’anno corrente.

 

Si precisa che la valutazione preventiva non costituisce formale ammissione al corso di studio, ma rappresenta uno strumento utile allo studente nella scelta del corso di studio più coerente al proprio percorso di studio.

 

L’esito della valutazione preventiva tramite application on line verrà comunicato al candidato entro le scadenze pubblicate sul sito internet. Gli studenti, dopo aver inviato la candidatura online, devono inviare per email il loro applicant code a marcopolo@unito.it.

Per visualizzare l’offerta formativa dei corsi di studio e i requisiti specifici di ammissione consulta la pagina di dettaglio.

Il corso di lingua italiana presso l’Università di Torino

L’Università degli Studi di Torino, in collaborazione con il Centro Linguistico di Ateneo, l’Istituto Confucio di Torino, coordina servizi di accoglienza e formazione in lingua cinese studiati per rispondere alle specifiche esigenze del contingente Marco Polo e Turandot. 

Offerta didattica

Per gli studenti che si iscriveranno all’anno accademico 2018-2019 l’Ateneo predispone il percorso formativo ad hoc "Corso di lingua e cultura italiana" della durata di 10 mesi (1000 ore).

Il corso di Italiano è aperto anche agli studenti del programma Turandot.

Accoglienza e registrazione all’arrivo: dal 12 al 16 novembre 2018.

Inizio del corso: 19 novembre 2018 (la data è suscettibile di cambiamento per l’accettazione degli studenti, in base alla data di rilascio del visto).

 

Durante la prima settimana del corso è prevista una verifica d’ingresso, mentre ad intervalli regolari gli studenti saranno sottoposti a simulazioni di esame CELI per valutare la loro progressione e prepararli all’esame finale.

Il programma, che dura 10 mesi (da novembre 2018 ad agosto 2019), prevede un impegno di circa 30 ore di lezioni settimanali, indicativamente ripartite come di seguito:

  • 13 ore di lingua italiana
  • 11 ore di esercitazioni linguistiche, tenute da parlante cinese
  • 2 ore di lingua e cultura accademica e linee guida per la frequenza dei corsi universitari
  • 2 ore di storia e cultura d’Italia e d’Europa, tenute da madrelingua cinese

 

Le lezioni si svolgono per circa 5 ore al mattino, divise in due lezioni con una pausa fra loro. Sono inoltre previste lezioni settimanali pomeridiane di approfondimento linguistico e culturale.

Il corso è a frequenza obbligatoria (almeno l’80% delle lezioni) e propedeutico alla successiva iscrizione a corsi universitari. All’atto dell’iscrizione è richiesto il contatto telefonico o email di un famigliare (non di intermediari) dello studente da potere contattare in caso di emergenza.

Le lezioni sono sospese durante le vacanze di Natale, le vacanze di Pasqua, il 25 aprile, il 1 maggio, il 24 giugno e nelle due settimane centrali del mese di agosto.

Ad agosto 2019 gli studenti sosterranno l’esame CELI (Certificazione Italiano Generale) livello B1.

 

A partire dell'anno accademico 2018-2019 verranno accettati per l'immatricolazione ai corsi universitari solo le certificazioni di competenza di lingua italiana emesse nell'ambito del sistema di qualità CLIQ (Certificazione Lingua Italiana di Qualità), che riunisce in associazione gli attuali enti certificatori (Università per Stranieri di Perugia, Università per Stranieri di Siena, Università Roma Tre e Società Dante Alighieri) anche in convenzione con gli Istituti Italiani di Cultura o altri soggetti.

Tre motivi per studiare a Torino
  • Corsi per soli sinofoni
  • Assistenza e orientamento in lingua cinese
  • Linee guida su cultura accademica e frequenza dei corsi nelle Università italiane
Accoglienza

Uno sportello dedicato offre agli studenti assistenza in lingua cinese, fin dal loro arrivo in Italia. L’Ateneo organizza servizi di orientamento specifici per gli studenti Marco Polo, al fine di agevolare la loro sistemazione nelle strutture universitarie, assicurare un fluido adempimento delle pratiche burocratiche connesse al soggiorno in Italia e, in generale, favorire il loro inserimento nella realtà studentesca e cittadina. A questo scopo vengono regolarmente convocati incontri istituzionali con gli studenti di lingua cinese dell’Ateneo e con studenti dell’Istituto Confucio.

Vivere a Torino

Torino è una città tutta da scoprire: gioca un ruolo fondamentale nel Paese a livello industriale e finanziario ed è allo stesso tempo un grande centro culturale.

La città, insieme con l’ufficio del turismo e con l’Università degli Studi di Torino, è pronta a proporsi come destinazione ideale del turismo straniero. In particolare, grazie al progetto Turismo Torino i visitatori cinesi sono agevolati da una serie di servizi dedicati, tra i quali un percorso city sightseeing con audioguida in cinese e una scheda di accoglienza della città in cinese.

 

L’Università degli Studi di Torino ha frequenti rapporti di collaborazione con università cinesi per la realizzazione di progetti di scambio e di ricerca.  Nel 2008 l’Università ha fondato l’Istituto Confucio di Torino in collaborazione con la East China Normal University di Shanghai. 

 

Maggiori informazioni su turismo, trasporti ed eventi cittadini sono disponibili nella sezione inglese del portale Living in Turin e sul sito International Study Program.

Questa pagina è stata visitata 938 volte nell'ultimo anno. Fonte: Google Analytics.