Verso il Bilancio Partecipativo | Università di Torino

Verso il Bilancio Partecipativo

Cos'è il bilancio di Ateneo e a cosa serve
immagine decorativa

Il Bilancio partecipativo di Ateneo è una metodologia di ascolto, relazione e comunicazione, che permette il coinvolgimento attivo della nostra comunità ai fini della costruzione del bilancio di previsione.

 

Il bilancio di previsione è il documento con cui l'Ateneo prevede e autorizza le entrate e le spese dell'esercizio. Rappresenta lo strumento con cui si dà attuazione alla linea politica dell'Ateneo, prevedendo anche il finanziamento delle attività ritenute strategiche per lo sviluppo della didattica, della ricerca, della terza missione e dell'apparato organizzativo-gestionale dell’Università. 

Scopri di più sul Bilancio partecipativo di Ateneo
Il tema in questo primo anno di sperimentazione

L'esperienza di bilancio partecipativo proposta è sperimentale e focalizzata su un unico tema che è l'internazionalità, un tema particolarmente adatto alla sperimentazione perché:

  • rientra nel piano strategico triennale attualmente in vigore
  • ha ricadute in molti ambiti della vita universitaria
  • coinvolge tutto il personale.

Le attività relative all'internazionalità spaziano dalla didattica, alla ricerca, alla terza missione, e coinvolgono sia l'attività di docenti e di studenti, sia quella dell'amministrazione. Questa è una delle ragioni per le quali questo tema è stato scelto: attraversa tutti gli ambiti di attività della nostra comunità. Non vi è quindi all'interno delle voci del bilancio destinate all'internazionalità una singola sezione (o dipartimento) privilegiata o un ammontare totale di denaro ad essa dedicato. Vi sono voci già finanziate (e quindi non oggetto della sperimentazione, che chiede idee per iniziative nuove e trasversali), come il programma di visiting professors (in entrata e in uscita), i diversi programmi Erasmus, e così via.

 

La sperimentazione riguarda sia le tematiche sottoposte a consultazione (una sola, l'internazionalità), sia le modalità con le quali la consultazione procederà nel tempo.

 

Per facilitare la discussione in questo anno iniziale di sperimentazione, anziché rivolgere lo strumento partecipativo direttamente ai singoli membri della comunità, si è immaginato di coinvolgere le strutture già organizzate all'interno dell’ateneo: i Dipartimenti, le Direzioni, Il Consiglio delle e degli studenti, il Senato Accademico allargato a tutti i Direttori. Tali strutture di organizzazione già operative serviranno soprattutto per promuovere il dibattito e per raccogliere le idee. I Dipartimenti non sono chiamati a ricorrere a delibere specifiche, ma devono solo, organizzandosi come meglio ritengono, stimolare il dibattito e coordinare la raccolta delle idee.

 

Le idee progettuali dovranno essere redatte in forma snella, senza vincoli di formato. Dovranno riguardare iniziative nuove e trasversali, relative all'internazionalità. In altre parole, non sono interessanti iniziative che ricalchino quelle già attive e inoltre le proposte dovranno avere ricadute più ampie possibili, non dovendosi riferire a situazioni o contesti particolari. Le proposte possono (non obbligatoriamente) essere accompagnate da una stima di massima dei costi, che è peraltro difficile da immaginare in dettaglio a livello di Ateneo, e che sarà quindi successivo compito delle Direzioni interessate quantificare. Inoltre il CdA non ha stabilito a priori un ammontare di spesa da destinare alle idee oggetto della sperimentazione, per non frenare la creatività dei singoli proponenti e per poter discutere più liberamente delle priorità che la comunità di UniTo si vuole dare.

Il gruppo di lavoro

Tutto il processo è coordinato dal Gruppo di Lavoro che include membri del Consiglio di Amministrazione e del Senato Accademico, oltre ai/alle Dirigenti e Responsabili delle Direzioni coinvolte. Il gruppo di lavoro, oltre ad avere il compito di analizzare le proposte e farne una sintesi da sottoporre alla discussione finale, ha la funzione di fluidificare tutto il processo, monitorarlo e raccogliere stimoli e suggerimenti atti ad approntare un nuovo percorso partecipativo da attuarsi in vista del bilancio di previsione 2024.

 

Il gruppo di lavoro è composto da: Maria Chiara Acciarini, Alessandro Barge, Gianluca Cuniberti, Sabrina Gambino, Vilma Angela Garino, Vincenzo Iapichino, Massimiliano Lauria, Eliana Luceri, Catia Malatesta, Gianmarco Montanari, Elisabetta Ottoz, Mariagrazia Pellerino, Elisa Rosso, Angelo Saccà, Andrea Silvestri, Stefania Stecca, Antonella Valerio, Franco Veglio, Marco Vincenti.

Cosa faranno gli organi deputati ad approvare il bilancio al termine del percorso

Le proposte raccolte saranno pubblicate su una apposita piattaforma denominata Liquidfeedback (il link è disponibile nella sezione di approfondimento dedicata al Bilancio partecipativo sul sito Politiche di Ateneo) sulla quale sarà possibile formulare emendamenti ed esprimere commenti. Entro il 30 settembre si pubblicheranno le proposte, mentre dal 1 al 15 ottobre si raccoglieranno gli emendamenti e i commenti. In questa fase anche i singoli componenti della comunità di UniTo potranno esprimere pareri, emendamenti ed eventualmente formulare nuove proposte.

 

Le diverse proposte non saranno in competizione l’una con l'altra, ma contribuiranno tutte alla definizione di una proposta finale, che il gruppo di lavoro redigerà sulla base dell'analisi delle proposte e dei commenti pervenuti. Anche questa proposta "di sintesi" sarà pubblicata sulla piattaforma e discussa nella seconda Conferenza di Ateneo, prevista per il 3 novembre. In questa sede, oltre a illustrare le motivazioni che hanno guidato le scelte del gruppo di lavoro, ci sarà modo di discutere la proposta finale. Quanto emergerà dalla seconda conferenza di Ateneo sarà quindi tradotto in voci di spesa nel bilancio di previsione 2023.

Come si partecipa attivamente

Le proposte vanno sottoposte sulla piattaforma denominata Liquidfeedback disponibile nella sezione di approfondimento dedicata al Bilancio partecipativo sul sito Politiche di Ateneo.

Ultimo aggiornamento: 23/09/2022