Erasmus+ Bilateral Agreement

L’Accordo interistituzionale (Bilateral Agreement) nell’ambito del Programma Erasmus+ è un accordo di cooperazione che regolamenta la mobilità Erasmus definendo i flussi di mobilità tra gli istituti universitari che l’hanno siglato.

Nello specifico, gli accordi bilaterali pianificano i flussi di mobilità di studenti e docenti, sia in uscita (outgoing) che in entrata (incoming), per lo svolgimento delle seguenti attività:

  • mobilità di studenti ai fini di studio
  • mobilità di docenti per attività didattica

Gli accordi interistituzionali possono essere siglati con:

  • istituti di istruzione superiore di uno dei Paesi partecipanti al programma Erasmus che siano titolari di ECHE (Erasmus Charter for Higher Education). I “Programme Countries” (Paesi partecipanti al programma) sono:
    - Paesi UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria;
    - Paesi SEE (Spazio Economico Europeo): Islanda, Liechtenstein, Norvegia;
    - Turchia e ex Repubblica iugoslava di Macedonia.
  • istituti di istruzione superiore di Paesi partner. I “Partner Countries” sono tutti i Paesi non compresi tra i “Programme Countries” (ivi inclusa la Svizzera).

La stipula di un accordo interistituzionale con Paesi Partner è subordinata all’approvazione di un progetto per mobilità studenti e/o staff da parte dell’Unione Europea.

 

Per informazioni sulla stipula o sul rinnovo di accordi bilaterali e per la relativa modulistica consultare la Intranet di Ateneo.

Questa pagina è stata visitata 802 volte nell'ultimo anno. Fonte: Google Analytics.